100mila euro per casa bimbi oncologici

ROMA – La Provincia di Roma fara’ la sua parte nella realizzazione della ‘Casa a colori’ dell’Agop (Associazione genitori oncologia pediatrica) destinata ad ospitare i bambini che ricevono cure oncologiche e le loro famiglie. Il presidente della Provincia, Nicola Zingaretti, e l’assessore provinciale alle Politiche Sociali, Claudio Cecchini, in occasione dei trent’anni dell’Agop, lanciano la campagna per la raccolta dei fondi e stanziano 100 mila euro per realizzare l’importante struttura. "Aiutare e stare vicino a chi soffre e’ una cosa molto semplice da dire, ma molto piu’ complicata dfare", ha spiegato Zingaretti: "penso che sia molto piu’ importante aiutare chi aiuta ed e’ giusto per tanti motivi. Se la medicina si concentra sulle cure, infatti, dimentica spesso cosa c’e’ attorno ad esse. Noi pero’ non vorremmo fermarci a dire grazie, ma vogliamo fare la nostra parte. E’ per questo che devolveremo 100 mila euro all’Agop perche’ la sfida lanciata dalla Giunta di Walter Veltroni con l’avvio di questo progetto deve essere raccolta". Chiunque puo’ sostenere l’Associazione – istituita nel dicembre del 1977 dai genitori di bambini malati di tumore e leucemia in cura presso la divisione di oncologia pediatrica del Policlinico Agostino Gemelli – devolvendo il proprio contributo sul conto corrente postale 63516009. Non solo: Zingaretti invita ciascuno "ad organizzare un piccolo evento, magari nel proprio condominio, perche’ la ‘Casa a colori’ non rimanga solo un sogno". Madrina dell’evento e’ stata l’attrice Monica Bellucci che si e’ avvicinata all’Agop nel 2003: "mio padre fu operato al Gemelli e in quell’occasione ho conosciuto Enilbe Masi (presidente dell’Associazione, ndr) e sono stata nel centro di accoglienza per bambini oncologici. E’ stata l’esperienza piu’ intensa che abbia mai avuto. Vivere a contatto con il dolore di questi genitori costretti a vivere nelle auto per stare vicino ai propri bambini e’ una cosa che non dimentichero’ mai. Penso che sia importante – ha concluso l’attrice – proteggere i bambini rimanendo vicino ai genitori e sostenendoli da un punto di vista medico e psicologico". Il progetto della "Casa a colori" nasce infatti dall’esigenza di garantire ai malati di tumore una qualificata e continua assistenza in un centro di eccellenza. La struttura, ancora in  costruzione, si trova in Via Rubra 49, zona Prima Porta a Roma. Il progetto prevede un edificio dalle caratteristiche innovative rispetto ai modelli tradizionali della "casa di accoglienza" in quanto offre, insieme ad una struttura residenziale per i bambini malati e le loro famiglie, anche servizi per utenti interni ed esterni alla struttura, ospiti e fruitori delle attivita’ di riabilitazione, assistenza ambulatoriale e specialistica. La struttura si sviluppa su cinque piani per un totale di 1600 metri quadrati, con tre piani dedicati agli alloggi per un totale di 66 posti letto".


Articoli Correlati