A Vicenza primo rene artificiale al mondo per neonati

VICENZA  – Si chiama ‘Carpediem’ (Cardio-Renal Pediatric Dialisis Emergency Machine) la prima macchina al mondo dimensionata per assistere neonati con gravi disfunzioni cardiache e renali, che necessitano di una terapia con rene artificiale per sopravvivere.  L’eccezionale strumento e’ stato realizzato all’Ulss 6 di Vicenza, grazie agli studi diretti dal direttore del dipartimento di nefrologia, dialisi e trapianto dell’ospedale San Bortolo Claudio Ronco, coadiuvato dal professor Sandro Frigiola del dipartimento di cardiochirurgia del Policlinico San Donato di Milano e dal dottor Zaccaria Ricci del dipartimento di cardioanestesia e terapia intensiva pediatrica del Bambin Gesu’ di Roma. Sinora i neonati di peso inferiore ai tre chili, in caso di insufficienza renale grave (dal 5% al 20% dei casi nelle terapie intensive neonatali) venivano trattati con le macchine per dialisi tarate sugli adulti, con gravi rischi di scompenso o di fallimento della terapia.    La macchina, del costo di circa 250 mila euro, e’ stata realizzata da due ditte italiane, ha una grandezza assimilabile a quella di una macchinetta domestica per il caffe’ espresso, ed ogni suo componente e’ ‘originale’, studiato e realizzato specificamente per la prima volta al mondo. Permette di trattare il neonato con insufficienza renale acuta (gravissima e spesso mortale) con procedure perfettamente tarate sulle sue caratteristiche, a cominciare dal peso e dalla quantita’ di sangue circolante nel suo organismo: una dialisi miniaturizzata che, secondo i suoi ideatori, potra’ salvare molte piccole vite. ”Carpediem” dovrebbe ottenere la certificazione europea CE entro la fine dell’anno; entro dicembre 2011 e’ previsto il primo trial mondiale per l’avvio del suo utilizzo in totale sicurezza.


Articoli Correlati