Airc, i quattro premi assegnati

ROMA – E’ la ricerca di frontiera e l’impegno che e’ stato premiato dall’ Airc al Quirinale. In occasione della Giornata sulla ricerca sul Cancro due premi, intitolati a Guido Venosta, presidente storico della Federazione Italiana per la Ricerca sul cancro (FIRC) sono stati dati a Vincenzo Bronte, dirigente presso l’Istituto Oncologico del Veneto, ”per i suoi studi pioneristici nel campo dell’immunologia, che hanno portato all’identificazione di cellule capaci di inibire le risposte antitumore e favorire i processi di crescita neoplastica” e a Ruggero De Maria, ”per le sue innovative ricerche sulle cellule staminali tumorali, ritenute responsabili dei processi di
metastatizzazione e della resistenza ai farmaci”. I due premi ”Credere nella ricerca” sono stati vinti da Tommaso Cappi ”per essere stato nel 1971 tra i primi soci di AIRC e aver confermato questa scelta per trentasette anni, nella consapevole fiducia che la ricerca oncologica porti beneficio a tutta la collettivita”’, e ad Antonella Clerici, nuova testimonial dell’associazione ”per la sua convinta adesione ai valori della ricerca oncologica. Ha messo a disposizione le doti di entusiasmo e spontaneita’ che connotano la sua personalita’ umana ed artistica nel farsi tramite del messaggio di AIRC”.


Articoli Correlati