Al Gemelli centro integrato di brachiterapia anticancro

ROMA – Brachiterapia per la cura dei tumori ginecologici, delle vie biliari e otorinolaringoiatrici, brachiterapia metabolica per la cura di quelli alla tiroide e brachiterapia di contatto per trattare i tumori cutanei e quelli oculari. Sono i punti di forza del Reparto di brachiterapia del Policlinico universitario Gemelli di Roma, dedicato alla cura di diverse neoplasie, rinnovato e potenziato grazie a nuove e sofisticate apparecchiature che ne fanno uno dei centri di riferimento nazionali. Il centro sar? presentato domani al primo ‘Rome Brachytherapy Meeting’, promosso dall’Associazione italiana radioterapia oncologica (Airo), Gruppo di studio brachiterapia, e dalla Societ? europea di radioterapia oncologica (Estro). La ristrutturazione dei locali ha coinvolto anche tre camere di degenza del Reparto di brachiterapia del Gemelli, dedicate alla radioterapia metabolica che permette di trattare fino a 10 pazienti a settimana. La brachiterapia – ricorda una nota dell’ospedale romano – ? una delle più antiche modalit? di radioterapia e consiste nel porre le sorgenti radioattive vicino al tumore o addirittura all’interno delle cellule tumorali, garantendo un effetto più devastante sulla neoplasia con il maggior risparmio possibile dei tessuti sani. Le varie modalit? di brachiterapia sono tutte praticate al Gemelli, che recentemente ha promosso importanti adeguamenti con l’acquisizione di nuove apparecchiature come quelle per la brachiterapia pulsata. "Le nostre unit? operative – spiega Vincenzo Valentini, direttore del’Unit? operativa di radioterapia I del Gemelli e presidente eletto dell’Estro – ? tra i pochi centri in Italia ad avere questo tipo di apparecchiatura e l’unico a disporre di due apparecchi totalmente digitali di ultima generazione. La possibilit? di eseguire due trattamenti contemporaneamente permette di trattare un numero doppio di pazienti e quindi di ridurre i tempi della lista di attesa al fine di ottimizzare il timing per l’integrazione con le altre terapie".


Articoli Correlati