Aumentano teen ager fumatori e iniziano sempre prima

ROMA – Sempre piu’ precoce la prima sigaretta per gli italiani: ormai a meno di quindici anni si accende la prima bionda e sotto i 24 anni, un ragazzo su 3 e’ fumatore. Mentre aumentano le fumatrici. Sono i dati allarmanti diffusi oggi dall’ISS in occasione della Giornata Mondiale contro il fumo. Ben quattromila, le sostanze tossiche prodotte dalla combustione di tabacco: nicotina, catrame, ossido di carbonio e sostanze irritanti. Sostanze altamente nocive che danneggiano tutti gli organi: il fumo e’ tra le prime cause di malattie cardiovascolari e tumore ai polmoni.  Secondo la Doxa, che ha elaborato la ricerca per l’Iss in collaborazione con l’Istituto Mario Negri e la Lilt,
oggi a fumare e’ il 25,4% della popolazione sopra i 15 anni, vale a dire 13 milioni di persone. Un milione e mezzo di queste, sono ragazzi ed adolescenti. Per la precisione il 17% accende la prima sigaretta prima dei 15 anni, il 44,8% tra i 15 e 17 anni, e il 28,2% tra i 18 e 20 anni. I giovani fumatori di 15-24 anni sono piu’ di un milione e 700 mila e la percentuale e’ cresciuta dal 24 per cento del 2008 al 29 (+5 punti percentuali). A far registrare l’incremento maggiore sono le ragazze, passate dal 17,5 al 23,8 per cento (+6,3 punti percentuali), mentre i ragazzi sono aumentati dal 30,3 al 34 per cento (+3,7 punti percentuali). Il consumo medio giornaliero nel 2008 e’ stato di 14,4 sigarette, con una spesa media settimanale di 16,4 euro. Nel 2008 tra i i teenager si e’ registrato rispetto all’anno precedente un aumento del consumo di tabacco, considerato uno dei vizi preferiti.    Il 90 per cento di fumatori, sia giovani che adulti, fumano tutti i giorni. L’unica differenza si registra tra le ragazze fumatrici, dove il 18,2 per cento dichiara di fumare occasionalmente o nel fine settimana. E secondo l’indagine annuale della Societa’ italiana di pediatria (Sip) su ‘Abitudini e stili di vita degli adolescenti’, il 30,2% dei teenager ha ammesso di aver fumato almeno una volta una sigaretta, contro il 23,6% del 2007.


Articoli Correlati