Una calza piena di doni per i bambini di tutto il mondo

“Intorno al tavolo della cucina tre lingue incomprensibili e dissimili s’incontrano e si mescolano insieme agli odori speziati e decisi. Intorno al tavolo della cucina sguardi complici e attenti, sentimenti sinceri e forti, sorrisi luminosi e amichevoli si riconoscono e si abbracciano. Intorno al tavolo della cucina, incredibilmente si dialoga e ci si comprende.
E’ questo uno dei tanti miei ricordi a Peter Pan dove nessun ostacolo impedisce la condivisione e in ogni momento non si è mai soli.
E’ questa la magia che mi porterò sempre nel cuore.”

Michela – Volontaria

Auguri per un 2015 illuminato dai sorrisi di tanti bambini

La nostra storia inizia un giorno di fine agosto, fino a quel momento la nostra vita poteva essere paragonata ad una bella giornata di sole con qualche nube ogni tanto ma nulla di importante. All’improvviso il cielo comincia ad oscurarsi….il malore di mio figlio, l’ignoranza di alcuni medici, la professionalità e l’umanità di altri e ci ritroviamo all’ospedale Bambino Gesù di Roma, a 400 Km da casa. Le prime analisi, le tac e in ultimo la diagnosi…una forma di tumore di adulto in un bambino di soli 10 anni….ormai è tutto buio pesto…
In ospedale mi parlano della casa di accoglienza di Peter Pan, sono molto scettica…non mi va di rinchiudermi in una stanza…non mi va di vedere persone…voglio stare da sola….Veniamo dimessi per pochi giorni…non posso rientrare a casa…decido di andare da Peter Pan.
Già da quando suono il campanello del grande portone, una luce comincia a vedersi in quel cielo buio…..veniamo accolti con un sorriso, con gioia e per la prima volta dopo un bel po’ di tempo vedo mio figlio tornare a sorridere, a giocare. Fino a quel momento il suo grande cruccio era stato la caduta dei capelli…stava sempre con un cappellino ….il vedere altri bambini come lui non lo fanno sentire diverso….e poi tutti i volontari ..persone stupende….hanno fatto si che continuasse ad essere un bambino spensierato….
Man mano che le terapie finivamo….il cielo cominciava a schiarirsi sempre di più……il trapianto…ed il sole è ritornato a splendere…
Ancora oggi a distanza di 5 anni per i controlli ritorniamo da Peter Pan …è questa volta lo facciamo con piacere perché possiamo essere per quelle famiglie che adesso iniziano il duro percorso…lo spiraglio di luce, la boccata d’aria….” si può venire fuori dalla malattia”
Grazie a tutte le persone che compongono Peter Pan…grazie di cuore….

Adele, Domenico e Giuseppe

Buon Natale dalla Grande Casa di Peter Pan

Carissimi,
vogliamo dare il nostro più sentito grazie per il vostro prezioso aiuto in un momento della nostra vita così importante e delicato.
Grazie per averci aperto la porta e dato ospitalità, permettendoci di vivere serenamente la guarigione della nostra bambina Camila.
Grazie a tutte le Famiglie che vivono a Peter Pan, per l’amicizia, per l’aiuto, per la condivisione.
Grazie a tutti i Volontari: alle Wendy che con amore giocano con i nostri bambini; ai Trilly che ci accompagnano verso la sera con la loro simpatia; ai Pipistrelli che vegliano i nostri sogni e ci proteggono.
Grazie a tutti coloro che hanno realizzato il sogno di Peter Pan, in particolare un grazie particolare a Marisa e Gianna.
In questi sei mesi abbiamo trovato una grande famiglia, insieme abbiamo affrontato le difficoltà di ogni giorno, abbiamo riso, pianto, parlato, ci siamo conosciuti, abbiamo esplorato la bella e antica città di Roma, scoprendone vie, monumenti e parchi; ci siamo divertiti a cucinare scambiandoci le ricette dei nostri Paesi, abbiamo discusso ma ci siamo subito chiariti.
Oggi siamo molto felici di condividere con Voi anche questo nostro grande momento di gioia: la guarigione di Camila.
Il nostro augurio è che tutte le famiglie di Peter Pan possano rivivere la nostra stessa felicità: la guarigione di tutti i bambini e il ritorno alle nostre case.
Ringraziamo Dio per aver messo sulla nostra strada Peter Pan, trasformando un momento di dolore in un’occasione per aprirci e non chiuderci nella sofferenza, fortificandoci come famiglia, come genitori, come coppia e come persona.
Grazie a Dio per averci reso l’ennesimo dono permettendoci di ritornare nel nostro Paese così presto con tanta gioia nel cuore.

Con affetto Marlene, Camila e Eliazar.

…Seconda stella a destra questo è il cammino…

…Seconda stella a destra questo è il cammino…

…ma in un caldo giorno del 2005, la stella era ancora una sola e si trovava sulla sinistra del mio cammino …che mi ha portato emozionata davanti ad una casa color albicocca chiaro con un portone verde che si è spalancato sull’isola che c’è.

Era in quell’orario in cui, nelle giornate di gran caldo, ci si rilassa nella fresca penombra della propria camera…ma non tutti…

Ad accogliermi c’era una gran quiete, un’atmosfera un po’ particolare….ero seduta un po’ impacciata sul divano davanti ai tavoli da pranzo…dalla calma che regnava sembrava non esserci nessuno, ma in realtà, nel silenzio rumoroso dei propri pensieri, c’era una famiglia libica…li saluto ..mi sento di troppo…faccio finta di nulla non voglio minimamente disturbare la loro intimità…

Ma poi non so, mi sono sentita osservata …alzo lo sguardo e, dal suo seggiolone, due occhioni scuri mi osservano sorridenti…ricambio il sorriso …è una bimba dolcissima lasciata momentaneamente sola, la mamma è indaffarata nello sparecchiare…è lì, buona buona, con la testa reclinata sul seggiolone e mi guarda… è un attimo che ancora oggi mi porto dentro.

Passa qualche giorno e inizio il mio cammino in Peter Pan.

Come arrivo vengo avvolta dall’entusiasmo di un ragazzino, Giacomo, che ha scritto il mio nome sulla maglietta wendy e da una mamma che mi prende per un braccio, mi fa salire in ascensore e mi dice, senza girarci troppo intorno: “mia figlia è al primo piano… non cammina”.

Arrivo al primo piano con un groviglio di emozioni…ed eccola …è lei, la bambina che non cammina è la bambina dagli occhi grandi che mi è entrata subito nel cuore e lì rimarrà per sempre insieme a tanti altri.

Negli anni ho incontrato tante persone, bambini di ogni età, genitori e nonni, tanti ricordi, risate, emozioni, battute e perle di saggezza … come dimenticare la battuta di una bambina, una di quelle bambine scrupolose che, per non mischiare le proprie matite colorate con le altre, ha attaccato sopra ognuna un adesivo con il proprio nome: Maria Antonietta, precisa ed attenta ..tra un gioco e l’altro mi fa notare la particolarità del suo nome e di quello di sua mamma …entrambe hanno nomi di Regine… e mi chiede curiosa : “come si chiama tuo papà?”…le dico ” Mio papà si chiama Ermanno”…e lei carina, mi guarda, medita e mi dice: “è proprio un nome romano”…ci metto un po’ a capire …per lei non era una battuta ma un’osservazione seria e attenta…attenta anche nell’ascoltare certi romani quando parlano…”er cane, er gatto, Er-manno”!

…e poi in uno di quei pomeriggi gioiosamente pieni di rumore, una bimbetta bella, Alice, che chiede a tutti noi con modi molto seriosi e con le manine che proteggono il collo: “non urlate mi fa male la gola!” o ancora, la perla di saggezza venuta dall’Albania, Xhanette, che con naturalezza davanti ad un lavoro un po’ complicato mi dice “se non hai pazienza come fai a veder crescere le mele sull’albero?”…

Sono solo pochi, pochissimi degli attimi emozionanti, divertenti e simpatici che si respirano nella casa di Peter Pan e mi accorgo, dopo anni, che sono le piccole cose, i piccoli e semplici gesti, quelli che potrebbero passare inosservati, a riempirmi di emozione, un’emozione che va oltre il tempo… emozioni che riempiono questo magico cammino chiamato Peter Pan, che di stelle ora ne ha ben tre! Una costellazione piena d’amore!

Tiziana – Volontaria

A Natale anche Peter Pan avrà un Magiordomus

Quest’anno, con le tue spese di Natale su magiordomus.it, puoi sostenere Peter Pan ONLUS.

Fino al 6 gennaio, infatti, Magiordomus donerà il 25% del ricavato delle vendite dei prodotti con questo bollino per il progetto “Adotta una stanza”, per contribuire così a sostenere i costi di mantenimento di uno o più ambienti della “Grande Casa di Peter Pan”. 

Vai ai prodotti con il bollino

Alla Grande Famiglia della bella Casa di Peter Pan

“La vostra è una Piccola Casa ma piena di un grande significato.
E’ nel cuore e nella vita, ha la forza e la voglia di aiutare i bambini di tutto il mondo.
Fate l’inimmaginabile per rendere felici i bambini e i loro genitori.
Siamo stati un anno e mezzo ospiti di questa Casa, ma non abbiamo mai sentito la nostalgia del nostro Paese.
Se potessimo restituire quello che abbiamo ricevuto, non basterebbe il mondo intero.
Vi consideriamo Umanità altissima, al di là di ogni immaginazione.
Che Dio vi guidi e vi assista!”

Vostra “amica e figlia” Basma ed il suo papà

Cari Amici,
aderendo alla nostra Campagna di Natale, offrirete accoglienza ai tanti bambini malati di cancro che come Basma ogni giorno dell’anno ospitiamo gratuitamente nella “Grande Casa di Peter Pan”. A tutti loro offriamo servizi e la possibilità di vivere insieme alle loro famiglie tutto il lungo periodo delle cure in un luogo sereno che contribuisce al recupero psicofisico ripristinando la normalità che la malattia gli nega. Peter Pan è casa, Peter Pan è parte della cura. Vuoi essere anche tu parte della cura dei bambini di Peter Pan? E’ facile, scegli dei doni solidali tra le nostre proposte: www.peterpanonlus.it/sostienici/natale-con-peter-pan 

Scuoti la tua voglia di Natale! Torna “1 voto, 200.000 aiuti concreti”

Scuoti la tua voglia di Natale! 
Dai il tuo voto a Peter Pan e diventa anche tu parte della cura.

Anche per Natale 2014 UniCredit si attiva per sensibilizzare le persone al Non Profit e in particolare alle Organizzazioni iscritte a ilMioDono.it.

Grazie al tuo voto, l’Associazione Peter Pan Onlus potrà ricevere una parte della donazione di 200.000€ offerta da UniCredit a ilMioDono.

Come si fa a votare per Peter Pan?

Vota-organizzazione-Peter-PanVai sul sito www.ilMioDono.it, ricerca la nostra organizzazione “Associazione Peter Pan Onlus” e clicca su “vota questa organizzazione”

oppure puoi accedere direttamente alla pagina di votazione attraverso questo link

https://www.ilmiodono.it/it/votazione/?idorg=696

Puoi votare dal 04 Dicembre 2014 al 16 Gennaio 2015, in tre modi:

1) Via Social tramite il tuo account Facebook, Google Plus o Twitter puoi esprimere una preferenza in modo facile e veloce.

2) Via email: inserisci il tuo indirizzo di posta elettronica, nome e cognome per ricevere una email al tuo account e confermare la tua preferenza attraverso un link.

3) con la “Carta per ilmiodono” di Unicredit.

 

Vuoi fare di più?

Puoi aiutarci diffondendo l’iniziativa.
Puoi dirlo agli amici.
Puoi inviare loro una email.
Puoi inserire sul tuo account facebook la nostra attuale immagine di copertina della campagna solidale e/o quella del profilo
Su Twitter usa l’hashtag #iovotopeterpan.
 
 

A Natale anche Peter Pan avrà un Magiordomus

Quest’anno, con le tue spese di Natale su magiordomus.it, puoi sostenere Peter Pan ONLUS.

Fino al 6 gennaio, infatti, Magiordomus donerà il 25% del ricavato delle vendite dei prodotti con questo bollino per il progetto “Adotta una stanza”, per contribuire così a sostenere i costi di mantenimento di uno o più ambienti della “Grande Casa di Peter Pan”. 

http://www.magiordomus.it/ pages/ peter-pan-onlus/