COMUNICATO STAMPA MARATONA DI PETER PAN 2016

Aperte le iscrizioni online alla corsa solidale “Corriamo insieme a Peter Pan”, la più divertente che c’è, aperta a tutti senza limiti di età, in programma domenica 18 settembre a Roma nel parco di Villa Pamphilj

Con il Patrocinio di Roma Capitale

Roma, 1 settembre 2016 – Da oggi sono aperte le iscrizioni online alla XVIII edizione della gara non competitiva per grandi e bambini “Corriamo insieme a Peter Pan”, la più divertente che c’è, aperta a tutti senza limite di età, in programma a Roma a Villa Pamphilj domenica 18 settembre dalle ore 10. E’ possibile iscriversi sia individualmente che a gruppi, e partecipare all’evento solidale tenendo per mano l’amico del cuore, anche a quattro zampe.

LE ISCRIZIONI ONLINE, sia individuali che per i gruppi, sono aperte da giovedì 1 settembre sul sito www.maratonadipeterpan.it fino alle ore 21 di venerdì 16 settembre.

E’ inoltre possibile iscriversi presso il Punto Jogging di Villa Pamphilj nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 settembre: iscrizioni individuali e bambini, sabato 17 settembre, dalle 10 alle 18.30. E domenica 18 settembre, per gli adulti dalle 9 alle 9.30, e fino alle 10.30 per iscrivere i bambini. Gruppi (minimo 10 persone): sabato 17 settembre, dalle 10 alle 18.30

RITROVO: domenica 18 settembre alleore 9 a Villa Pamphilj, presso il Punto Jogging (Piazzetta del Bel Respiro, Via Vitellia angolo Via Olimpica).

PARTENZE: ore 10: corsa Adulti (percorso non competitivo di km. 4,2). Ore 11.30: Corse Bambini fino a 11 anni (m. 60 – 300 – 500). CONTRIBUTO di partecipazione: donazione minima di € 10 per gli adulti e € 5 per i bambini fino a 11 anni.

PREMI: tutti i bambini riceveranno uno zainetto ‘sorpresa’ al momento dell’iscrizione e la medaglia di partecipazione. Il gruppo più numeroso riceverà un buono spesa con prodotti alimentari biologici ‘Biomens’.Estrazione di tre premi speciali per tutti i partecipanti alla corsa di Km 4,2: un Mini i-Pad Apple, un abbonamento annuale per 1 persona presso “La Palestra”, un abbonamento stagionale per 2 persone al Teatro Golden.

Come da tradizione, al termine delle gare e fino al tramonto, si apriranno le porte de “L’isola che c’è” per tutti i bambini, iscritti e non alla competizione solidale, una grande area protetta allestita dai volontari dell’associazione Peter Pan onlus con tanti giochi: Gigi e le strutture sonore realizzate con materiali di recupero, le magiche bolle di sapone del clown Daniele Antonini, lo Stagno degli anatroccoli, Magia & Colori, i Giochi scomparsi e a sorpresa. Inoltre ci saranno, il Mercatino delle Mani Felici, percorsi di agility dog con la Scuola Italiana Cani Salvataggio, lezioni dimostrative di Nordic Walking, lo spettacolo degli arcieri medievali di Olevano Romano “Alta Valle del Trerus”.

I proventi della giornata contribuiranno a sostenere le Case d’accoglienza create da Peter Pan onlus per ospitare i bambini e gli adolescenti malati di cancro che giungono a Roma dall’Italia e dal mondo, con le loro famiglie, per essere curati presso ll’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e il Policlinico Umberto I. Grazie alle Case di Peter Pan i piccoli pazienti possono ricevere le cure in day hospital, e trascorrere il tempo libero dalle terapie in una casa accogliente, circondati dalle coccole dei loro genitori e dei volontari dell’associazione. Per maggiori informazioni: www.peterpanonlus.it

Con la partecipazione di: AiCS, Walking Italia Center, Scuola Italiana Cani Salvataggio, Davide il Drago, Banca Popolare di Milano, PC Components Europe. Il sostegno di: Biomens, Moto Omnia Regit, CONAD, LA PALESTRA, STANHOME, magIOrdomus, TEATRO GOLDEN,

Ufficio stampa: Maria Chiara Verdacchi – 335.7846859 – ufficiostampa@peterpanonlus.it

comunicato stampa maratona 2016

Tumori: leucemia, benefici doppi per adolescenti trattati come bambini

Né adulti né bambini. Sospesi in una terra di mezzo che spesso disorienta anche chi deve prendersi cura della loro salute, specie davanti a malattie gravi come la leucemia. In medicina gli adolescenti rappresentano spesso un ‘rebus’ difficile da risolvere.

Vanno curati come i grandi o come i piccoli? Uno studio presentato a San Francisco, durante il 56esimo congresso della Società americana di ematologia (Ash), suggerisce che la strada giusta è la seconda. Almeno nei ragazzi e nei giovani colpiti da leucemia linfoblastica acuta, il tumore del sangue più frequente nei bambini che, grazie alle nuove terapie, negli ultimi decenni sono arrivati a una sopravvivenza superiore all’80%.

La ricerca, condotta da Wendy Stock e colleghi dell’università di Chicago su 296 malati tra 16 e 39 anni, dimostra che trattando questa popolazione di pazienti con protocolli intensivi tipici dell’età pediatrica – compresi 4 cicli ‘strong’ di chemioterapia – il 78% vince la leucemia e il tasso di sopravvivenza libera da progressione di malattia quasi raddoppia, dal 34% al 66%.

“I dati indicano che, nei pazienti teenager e nei giovani adulti, il trattamento intensivo normalmente utilizzato sui bambini viene anche ben tollerato. Il tasso di mortalità collegato alla terapia è stato inferiore al 2%”, sottolinea Stock. I risultati ottenuti necessitano di essere confermati su periodi di osservazione più lunghi, precisa la ricercatrice. Tuttavia confermano quelli di studi precedenti iniziati già nel 2000 e “sono importanti – evidenzia l’autrice – perché ancora oggi la maggior parte degli adolescenti e degli under 40 colpiti da leucemia lifoblastica acuta tendono a essere trattati con protocolli per adulti a bassa intensità, e non vengono arruolati nei trial clinici”.