Beneficenza: Clio Napoletano, chi truffa commette bassezza

ROMA  – ?I truffatori che raccolgono fondi a nome di fittizie associazioni non profit facendo leva sulla bonta? degli italiani che credono cosi? di donare soldi per una buona causa, sono in Italia una triste realta?. E in questo senso e? fondamentale l?opera di vigilanza e trasparenza condotta dalla Guardia di Finanza? Lo ha detto Clio Napolitano, moglie del presidente della Repubblica, che questa mattina ha partecipato, assieme a Franca Ciampi, alla VI Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile, la manifestazione e? stata ospitata dal comando generale della Fiamme Gialle. La signora Napolitano, ha definito molto importante l?attivita? di controllo svolta dalle fiamme Gialle per evitare e reprimere le truffe con false iniziative di beneficenza e solidarieta? sociale. Chi raccoglie illecitamente fondi approfittandosi della generosita? dei cittadini commette un atto di ?incredibile bassezza morale?. A tale proposito il generale c.a, Lucio Macchia, comandante del Nucleo speciale delle Fiamme Gialle ha ricordato l?attivita? svolta dal corpo per reperire ed elaborare dati e informazioni e per garantire la liceita? della raccolta e dell?uso dei fondi destinati alle
organizzazioni non lucrative. ?Le Fiamme Gialle – ha detto Macchia – attraverso una capillare attivita? di vigilanza a livello nazionale contribuisce a creare attorno al terzo settore un cornice di trasparenza in un comparto come quello del no-profit. Non ci puo? essere fiducia, ha osservato il generale – senza la trasparenza?. La signora Clio ha tenuto a sottolineare l?importanza dell?informazione e della sensibilizzazione su settori come quelli della lotta contro il cancro infantile. Nel corso del convegno e? stato sottolineato da Maurizio Arico?, presidente Aieop che circa 5-6 bambini si ammalano di cancro ogni giorno, ma quelli che guariscono sono oggi, in Italia, 2 su 3 (circa il 65[%]). Dati questi per la moglie del presidente della Repubblica di ?grande speranza che spingono a fare sempre meglio e che, al tempo stesso, dimostrano come nel nostro paese ci sono grandi professionalita?, come gli oncologi pediatri, che riescono a svolgere ?un lavoro di grande responsabilita?, spesso in silenzio ma con una tenacia e una dedizione esemplare?.


Articoli Correlati