Bimbo iracheno curato a Genova, catena solidariet? Ansaldo

GENOVA – Jafaar, un bambino iracheno di cinque anni malato di tumore e curato in Italia grazie all’aiuto di Ansaldo Sistemi Industriali, dopo un anno di degenza presso l’Istituto Giannina Gaslini di Genova e’ pronto a fare ritorno a casa in Iraq. Un anno fa l’appello lanciato dallo zio del piccolo, dipendente di Ansaldo Sistemi Industriali a Monfalcone, aveva suscitato la risposta immediata dell’azienda e dei colleghi, innescando una catena di solidarieta’ che ha superato le aspettative di tutti. Jafaar era affetto da una grave forma di tumore alla vescica e, a causa della guerra che imperversava in Iraq, non poteva essere curato nel suo Paese. Ansaldo Sistemi Industriali e’ intervenuta inizialmente in prima persona e, successivamente, costituendo l’associazione Angeli per il Gaslini Onlus, di cui Jafaar e’ stato il primo beneficiario. ”Il sostegno che abbiamo potuto dare a Jafaar ? commenta Claudio Andrea Gemme, Amministratore Delegato di Ansaldo Sistemi Industriali e Presidente dell’associazione Angeli per il Gaslini Onlus – rappresenta per noi una fonte di grande soddisfazione e un traguardo per le nostre attivita’ future”. Presso l’Istituto Giannina Gaslini il piccolo ha subito un delicato intervento chirurgico e numerosi cicli di cure, mirati a eliminare la malattia garantendogli al contempo una buona qualita’ di vita per il futuro.


Articoli Correlati