Cambiare vita per evitare il cancro

Ogni anno nel mondo viene diagnosticato un tumore a più di 12 milioni di persone e 7,6 milioni muoiono di questa malattia. Se non verranno prese misure concrete di contrasto si stima che nel 2030 saranno 26 milioni i nuovi casi e 17 milioni le vittime. A lanciare l?allarme ? stata l?Organizzazione mondiale della sanit? (Oms) in occasione della Giornata mondiale per la lotta al cancro. La guerra ai fattori di rischio ? l?unico modo per vincere la battaglia contro i tumori. ?E ?avverte l?Oms? oltre il 30% dei casi di cancro potrebbe essere evitato adottando stili di vita più sani?. Oggi il cancro in tutto il pianeta ? responsabile di un decesso su 8, più delle morti per Aids, tubercolosi e malaria messe insieme.  Non fumare, non bere alcol, seguire un?alimentazione corretta, fare esercizio fisico, prevenire le infezioni che potrebbero dare origine a un tumore. Sono queste le mosse vincenti per ?dare scacco matto? al cancro, ricorda l?Oms. Che mette l?accento soprattutto sulle insidie del fumo e della vita sedentaria: le sigarette sono la prima causa evitabile di cancro (6 milioni di morti all?anno, ma i fumatori restano 1 miliardo e 500 milioni), mentre 30 minuti al giorno di esercizio fisico moderato possono ridurre il rischio di tumori a seno e colon.  I nuovi filoni di ricerca puntano su analisi dei dati di incidenza, mortalit? e abitudini di vita: in modo da scoprire quanto si sbaglia ancora e quanto si pu? fare. Poi su nuovi test di diagnosi, sempre più precoci e sempre più soft: le radiazioni di alcuni esami sono, infatti, di per s? un rischio se si sommano troppe volte nell?arco di pochi anni. E, infine, su farmaci ?intelligenti ?: anche questi da studiare nel tempo perché possono anche diventare una terapia cronica (il cancro resta ma ? bloccato).  Alcune aziende alimentari hanno investito in salute e prevenzione e trasformato le loro linee di produzione in modo anche da offrire ai bambini frutta e verdura anzich? merendine. E questa ? la battaglia più complicata: cambiare la cultura del cibo e creare nuovi trend. Non solo fumo, quindi,ma anche niente grassi nella dieta, movimento e cibi capaci di proteggere il nostro Dna. Infezioni e infiammazioni sono l?altro settore da combattere: tenerle sotto controllo abbatte di un altro terzo l?incidenza di molti tumori. Imparare a mangiare bene ? comunque la prima regola. Un noto ricercatore oncologo, Franco Berrino, ha dato vita ad una scuola di cucina (Cascina Rosa) presso l?Istituto dei tumori di Milano. ? aperta a tutti. Giovanni Allegro ? lo chef. Lui e Anna Villarini hanno tradotto gli studi di Berrino in un libro, Prevenire i tumori mangiando con gusto (Sperling & Kupfer). In Italia, per esempio, sono in crescita il tumore del polmone nelle donne e i melanomi nell?uomo. Le cause? Le donne stanno sorpassando gli uomini nella classifica dei fumatori e gli uomini prendono il sole (che va preso e non va demonizzato) o fanno la lampada senza accortezze protettive. ?Ma quali creme, un vero maschio non usa fattori protettivi?, ? la frase ricorrente. E senza quell?abitudine di stare all?aperto del mondo agricolo e marinaro. In Italia anche i duemila tumori pediatrici all?anno sono in aumento. ?La prevenzione deve essere cultura e deve cominciare a scuola?, sostiene da anni Umberto Veronesi. Un rapporto dell?Istituto dei tumori di Aviano ha analizzato i trend temporali dell?incidenza e della mortalit? per tumori in Italia nel periodo 1998-2005, in base ai dati di 20 Registri sulla popolazione in generale e di due Registri specializzati della banca dell?Associazione italiana registri tumori (Airtum). Sono stati analizzati 818.017 casi e 342.444 decessi, ricoprendo circa un terzo della popolazione. ? la fotografia più completa al momento esistente sul trend del cancro in Italia, al netto dell?effetto invecchiamento. E permette di vedere che cosa ? accaduto, e sta accadendo, in base alle varie fasce d?et?, agli stili di vita, alla prevenzione primaria e secondaria (test diagnostici periodici), all?introduzione di nuove terapie, di nuove apparecchiature, alle esposizioni di tipo ambientale. Il 70% della popolazione analizzata risiede al Nord, il 17% al Centro e il 13% al Sud. La mortalit? per l?insieme di tutti i tumori ha una riduzione pari a -1,7% annuo tra gli uomini e -0,8% tra le donne. La mortalit? per tutti i tumori si ? quindi ridotta dal 1998 al 2005 di circa il 12% tra gli uomini e di circa il 6% tra le donne. Per quanto riguarda l?incidenza, invece, c?? stato un andamento in crescita tra gli uomini e stabile tra le donne. In particolare, la mortalit? si riduce nei due sessi per i tumori del retto, dello stomaco (diminuzione non significativa per gli uomini dopo il 2003), del fegato, e per i linfomi non Hodgkin. Tra gli uomini ? in riduzione per i tumori correlati al fumo (vie aero-digestive superiori, esofago, polmone e vescica), per il tumore della prostata e per le leucemie. Tra le donne, significativa riduzione anche per i tumori del colon, dell?osso e della mammella. Secondo Diego Serraino, direttore della struttura di Epidemiologia dell?Istituto di Aviano, la riduzione ? frutto ?della diminuzione dell?incidenza di tumori a prognosi sfavorevole, quale il tumore del polmone; della diffusione degli screening di popolazione per il tumore della mammella, della cervice e del colon retto; dei miglioramenti in campo diagnostico che hanno portato a individuare casi in fase sempre più precoce?. ?Nel periodo analizzato ? dice ? solo due tumori hanno mostrato una crescita statisticamente significativa dei tassi di mortalit?: il tumore del polmone nelle donne e i melanomi tra gli uomini ?. Il totale dei tumori risulta in lieve crescita al Nord e al Sud e stabile nel Centro Italia. Tra le donne l?incidenza risulta in crescita significativa al Nord, stabile al Centro e stabile, dopo una fase di crescita, nel Sud Italia. Si segnala che il tumore del polmone cresce ancora al Centro e al Sud, mentre il trend ? stabile al Nord. Se all?inizio del periodo in esame (1998) la mortalit? per tutti i tumori presentava ancora un evidente differenza tra Nord e Sud, alla fine del periodo (2005) si ? registrata un?omogeneizzazione della mortalit? sul territorio nazionale. Per i tumori del fegato e delle vie biliari incidenza e mortalit? al Sud ? più elevata che nelle altre aree italiane. ?Resta ancora molto da fare per contrastare l?aumento di incidenza dei tumori in Italia, in particolare con le modifiche dello stile di vita, ma ? comunque incoraggiante il calo della mortalit? riscontrata?, dice Umberto Tirelli, direttore del Dipartimento di oncologia medica dell?Istituto di Aviano. (Mario Pappagallo)


Articoli Correlati