Ragazzi guariti dal cancro e studenti LUISS per una start-up sociale: “Peter Pan is a Geek”

Luiss Guido Carli "Peter Pan is a Geek" progettazione sociale

Luiss Guido Carli "Peter Pan is a Geek" progettazione sociale

“Peter Pan is a Geek”. Si è concluso alla Luiss Guido Carli il corso per progettare una start-up sociale aperto a studenti e ragazzi con vissuto onco-ematologico.

Giovani ragazzi con vissuto onco-ematologico insieme agli studenti della LUISS per progettare una start-up di innovazione sociale. È terminato sabato 13 aprile il corso “Peter Pan is a Geek”, una collaborazione tra l’Università Luiss Guido Carli e Peter Pan che ha portato tanti ragazzi a lavorare insieme con lo scopo di risolvere un problema o rispondere ad un bisogno preciso delle persone colpite da cancro in età infantile.

Il corso era stato inaugurato simbolicamente proprio il 15 febbraio scorso in occasione della Giornata Mondiale contro il cancro infantile, quando un albero di melograno, simbolo della lotta al cancro infantile era stato piantato nei giardini dell’Università.

Gli obiettivi dell’iniziativa “Peter Pan is a geek” erano molteplici: innanzitutto porre l’attenzione sui bisogni dei giovani malati che, a causa di una grave malattia e delle sue conseguenze, come ad esempio le lunghe degenze o le ridotte difese immunitarie, sono costretti a modificare la loro consueta quotidianità. Inoltre favorire nuove forme di interazione e co-creazione tra pari e un engagement diretto dei protagonisti.

Al termine del percorso di co-progettazione che ha visto protagonisti gli studenti del corso Luiss “Geek Cafè” e sei ragazzi guariti dal cancro, sono stati presentati cinque lavori finali. Soluzioni tecnologiche e innovative (Piattaforme e Applicazioni) utili a migliorare la qualità di vita di chi affronta una malattia grave come il cancro durante l’adolescenza. I temi affrontati sono stati: scuola, intrattenimento durante l’ospedalizzazione, relazioni tra pari, accesso a informazioni scientifiche.

Avete dimostrato che il lavoro di squadra porta ai migliori risultati, porta a fare goal! Cogliete opportunità come questa per formarvi a generare valore e cambiamento, partendo sempre dalla realtà e dalla collaborazione.” Commenta così Gian Paolo Montini, Direttore Generale di Peter Pan Onlus presente in aula durante la presentazione finale dei progetti.

Gian Paolo Montini "Peter Pan is a Geek" Luiss Guido Carli

Non mi sarei aspettata un coinvolgimento così grande. Sceglierei altre mille volte questo percorso”. Questa la dichiarazione di Noemi, una delle studentesse LUISS che ha frequentato questo corso.

“Grazie all’associazione Peter Pan, ho potuto partecipare a questo progetto che mi ha permesso di arricchirmi non solo dal punto di vista delle conoscenze ma anche dal punto di vista umano, facendomi avvicinare alle storie di altri ragazzi guariti. L’idea di potermi rendere utile per migliorare la qualità della vita dei pazienti all’interno dell’ospedale e il clima di collaborazione che si è creato anche con gli studenti Luiss, mi ha ancor di più invogliato a continuare fino alla fine questo percorso. La diffusione e la condivisione delle situazioni in cui un paziente con il cancro si trova, l’individuazione dei bisogni che questo può avere, ha permesso anche a ragazzi senza alcuna esperienza diretta di avvicinarsi ad un mondo così complesso e delicato in modo sempre rispettoso e interessato. La sensibilizzazione può gettare le basi per evitare una sorta di “ghettizzazione” del malato, che purtroppo può essere visto dagli altri come diverso.” Questa invece la riflessione di Jessica, altra ragazza partecipante al corso.

Ci teniamo a ringraziare le persone che hanno reso possibile questo progetto ed in particolare Paola Santoro e Roberto Macina, docenti del corso Geek Cafè della Luiss. Un grazie anche ai membri della commissione valutatrice, Stefano Previdi esperto di innovazione, ricerca e sviluppo in ambito tecnologico e Maria Perrone, psiconcologa.

Un grazie particolare Alessia, Alfredo, Cristiano, Fernando, Loredana e Jessica i sei ragazzi guariti che da diverse regioni d’Italia hanno deciso di mettersi in gioco partecipando al corso LUISS.

Luiss Guido Carli Peter Pan is a Geek

VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLE ATTIVITA’ DI PETER PAN? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER   

 

Raccontiamolo questo 5×1000: Giulio e la “signora romana”.

Giulio 5x1000 Peter Pan

Giulio 5x1000 Peter Pan

Il 5×1000 attraverso i volontari di Peter Pan: Giulio e la “signora romana”.

Giulio è un volontario in servizio nella Grande Casa di Peter Pan. Qui ci racconta perché il tuo aiuto è importante per tanti bambini malati di cancro e per le loro famiglie! 

“Cari amici di Peter Pan, vedete quella casetta gialla che orgogliosamente ho in braccio? È la riproduzione della nostra Grande Casa, sede dell’Associazione, che utilizziamo per raccogliere le donazioni in occasione di eventi, riunioni, concerti e tanti eventi che le persone organizzano in favore dei nostri piccoli ospiti.

Lo scorso dicembre, al termine di un concerto tenuto dalla banda dei Carabinieri a Ostia, ho presentato brevemente l’Associazione al pubblico in sala, raccontando chi siamo e cosa facciamo. All’uscita, una signora non giovanissima ma piuttosto energica e vivace ha infilato una banconota da 5 euro nella casetta e mi ha sussurrato: “Senta, quello che fate per i bambini malati e le loro famiglie è fantastico, mi avete commosso, cos’altro posso fare per aiutarvi?”

“Potrebbe devolvere a Peter Pan il suo 5 per mille”, le ho detto io passandole il bigliettino con il nostro codice fiscale. E lei, con la proverbiale prontezza e ironia romanesca: “Ve lo do sicuramente, ma nun ve pensate de diventà ricchi cor 5 per mille mio!”

DONA IL TUO 5X1000 A PETER PAN!

Il nostro codice fiscale da inserire nella dichiarazione dei redditi è 97112690587.

Per informazioni su come donare il 5×1000 visita questa pagina o iscriviti alla nostra newsletter

In ricordo di Alex: la Rosatese in campo per beneficenza giovedì 9 maggio 2019

rosatese raccolta fondi peter pan

rosatese raccolta fondi peter pan

Giovedì 9 maggio partita di beneficenza in ricordo di Alex Locati a sostegno di Peter Pan.

Rosatese 2018 in campo contro la Rosatese  2010 per una partita di calcio in ricordo di Alex Locati. L’evento è a sostegno dell’accoglienza dei bambini malati di cancro e delle loro famiglie ospiti di Peter Pan.

L’appuntamento è per giovedì 9 maggio 2019 alle ore 20.45 presso lo Stadio Comunale di Rosate in via Giacomo Leopardi 3.

Per info: Matteo 349.4057814

Vuoi saperne di più su Peter Pan? Iscriviti alla nostra newsletter

 

DATA: 09-05-2019

Pubblicato in Eventi

“Forza Cantate Bimbi”: 20 anni di cori e solidarietà

forza cantate bimbi 2019

forza cantate bimbi 2019

“Forza cantate Bimbi”: 20esima edizione del festival canoro al Teatro Viganò di Roma

Peter Pan è anche quest’anno tra le associazioni beneficiarie dell’evento

I bambini malati di cancro ospiti di Peter Pan tra i beneficiari dell’evento canoro al Teatro Viganò di Roma

Torna sabato 4 e domenica 5 maggio “Forza Cantate Bimbi“, l’evento canoro di beneficenza dove sono i bambini ad aiutare altri bambini.

Il Teatro Viganò si trova in Piazza A. Fradeletto 17 nel quartiere Nuovo Salario di Roma.

Per informazioni e per partecipare si può scrivere a forzacantatebimbi@gmail.com

 

DATA: 04-05-2019

Pubblicato in Eventi

Raccontiamolo questo 5×1000: parola ad Angelo

Donatore 5x1000 Peter Pan

Il 5×1000 attraverso i sostenitori di Peter Pan: parla Angelo.

Angelo è uno dei più cari sostenitori della Grande Casa di Peter Pan. Qui ci racconta perché anche il tuo aiuto è importante per tanti bambini malati di cancro e per le loro famiglie! 

“Donare il 5×1000 è un piccolo gesto ma fondamentale per sostenere associazioni come Peter Pan che vivono esclusivamente di aiuti privati senza alcun contributo pubblico. E’ il modo con cui permettergli di portare avanti la loro mission così importante. Io ho conosciuto casualmente i ragazzi di Peter Pan più di 10 anni fa e da allora li ho scelti e, anche se è poco, il sostenerli mi fa star bene”

FAI COME ANGELO, DONA IL TUO 5X1000 A PETER PAN!

Il nostro codice fiscale da inserire nella dichiarazione dei redditi è 97112690587.

Per informazioni su come donare il 5×1000 visita questa pagina o iscriviti alla nostra newsletter!

Tumori infantili: quasi metà nel mondo senza diagnosi

 “Quasi un bambino su due con malattia oncologica non riceve diagnosi e potrebbe perdere la vita senza ricevere alcun trattamento”.

A lanciare questo allarme il professor Zachary Ward dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, tra gli autori di un recente studio, pubblicato su The Lancet, dal titolo Estimating the total incidence of global childhood cancer: a simulation-based analysis.

Queste cifre, che riguardano i bambini malati di cancro nel mondo, diventano ancora più intollerabili se soffermiamo la nostra attenzione su ciò che accade in Africa e nei paesi più poveri.

Che succede in Africa:

In Africa solo il 30% dei bambini malati di cancro riesce ad avere accesso alle cure, rispetto all’80% dei piccoli pazienti che vivono nel mondo occidentale.

Il numero preciso di casi di cancro è difficile da ottenere perché la maggior parte dei paesi africani non possiede registri di tumori. Nell’Africa occidentale, ad esempio solo Mali e Cameron hanno documentazione dei casi di cancro infantile.

Poiché molti bambini non hanno accesso alle cure primarie, ovviamente non hanno accesso neppure a quelle oncologiche e pertanto muoiono senza una diagnosi” dice Zachary Ward, co-autore dello studio pubblicato lo scorso 26 febbraio sulla rivista The Lancet Oncology. 

In Italia sono presenti associazioni di volontariato che promuovono campagne di sensibilizzazione e prevenzione in Africa e nei paesi poveri dell’Europa dell’Est.  In Ruanda ed Uganda operano in prima linea i volontari di AFRON, Oncologia per l’Africa Onlus. Collaborano con i progetti di AFRON anche i volontari di Soleterre-Strategie di Pace Foundation, una ONG italiana impegnata nella lotta ai tumori infantili nei paesi poveri, e quelli di ALCLI Giorgio e Silvia di Rieti.

Per saperne di più: Articolo di Nature

RIMANI IN CONTATTO CON PETER PAN, ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

 

 

Raccontiamolo questo 5×1000! La storia di Manuela, la mamma di Lorenzo.

5x1000 peter pan testimonianza

5x1000 peter pan testimonianza

 

Il 5×1000 attraverso le famiglie accolte a Peter Pan: la storia di Manuela.

Manuela è la mamma di Lorenzo e oggi ci racconta perché il tuo aiuto è importante per suo figlio e per tanti altri bambini malati di cancro: questa è la sua storia.

“Siamo una delle tante famiglie ospiti della Grande Casa di Peter Pan.

Quando Lorenzo, il più piccolo dei nostri figli si è ammalato di cancro, ad un tratto, quella che sembrava essere una giornata come tante, si è trasformata in una storia che ha stravolto per sempre la vita della nostra famiglia. Improvvisamente ti trovi costretta a mollare tutto il tuo mondo, figli, casa, lavoro, amici e ad essere catapultata in una realtà di cui non immaginavi neanche l’esistenza. L’arrivo in ospedale, le visite, l’intervento, i lunghi ricoveri, i continui controlli… fino al fatidico giorno delle dimissioni, dove ci annunciarono…”vi stanno aspettando alla casa di Peter Pan”. La Casa di Peter Pan? Boo!

E già, una Grande Casa che diventa veramente la tua famiglia. Un luogo, dove all’inizio appena arrivi, e già sei in una condizione di confusione mentale, con la sensazione di essere su un’astronave, tutti ti sembrano e lo sono, dei perfetti estranei, che piano piano, giorno dopo giorno riscopri come amici, fratelli che vivono lo stesso dolore tuo e percepiscono realmente ciò che provi. Persone con le quali piangi, ridi, litighi, scherzi, ti diverti.

Senza dimenticare l’importante ed essenziale presenza di tutti i volontari (Wendy, Trilly, Coccodrilli, Timonieri, Spugne, Mastrogeppetti, Pipistrelli…), che ormai riescono a riconoscere di che umore sei, solo guardandoti in faccia e sono sempre lì, pronti a spendere una parola di conforto per te, oppure semplicemente ad ascoltarti.

Un grazie in particolare va detto anche a tutti i donatori della casa di Peter Pan, che permettono a noi famiglie di essere accolte e di vivere in maniera più o meno serena questa sofferenza, tutto, in totale gratuità.

E se questa favola che vi ho raccontato vi è rimasta nel cuore, come dice la canzone “…poi la strada la trovi da te, porta all’isola che non c’è!” ognuno di noi sa come trovare la propria strada che magari può anche incrociare il nostro cammino.

Se questo vuoi che accada, puoi aiutarci, donando il tuo 5X1000 alla casa di Peter Pan., ovviamente non ci dispiace, anzi ci farebbe un immenso piacere se condividessi questa tua scelta eroica con amici, parenti e chi più conosci.

Grazie di cuore!”

DONA IL TUO 5X1000 A PETER PAN!

Il nostro codice fiscale da inserire nella dichiarazione dei redditi è 97112690587.

Per informazioni su come donare il 5×1000 visita questa pagina o iscriviti alla nostra newsletter!

Raccontiamolo questo 5×1000: la storia di Arnaldo

Testimonianza Arnaldo 5x1000 Peter Pan

Testimonianza Arnaldo 5x1000 Peter Pan

Il 5×1000 attraverso i donatori di Peter Pan: parola ad Arnaldo!

Arnaldo è uno dei sostenitori della Grande Casa di Peter Pan. Sostiene Peter Pan ogni mese con una donazione periodica. Qui ci racconta perché il tuo aiuto è importante per tanti bambini malati di cancro e per le loro famiglie: questa è la sua storia.

“Essere un donatore non significa sostenere gli altri, ma sostenere se stessi a vivere una vita che valga la pena di essere vissuta. Sono estremamente convinto che nella vita si ottiene ciò che si dona. Se provassimo a ridere di più avremmo una vita più felice. Se provassimo ad abbracciare i nostri cari otterremmo più amore. Le mie piccole donazioni mi ricordano quali sono le priorità della vita! 

Ho deciso di sostenere la Grande Casa perché ho visto con i miei occhi l’amore e la dedizione delle persone che si occupano attivamente di questa Onlus, e vi invito a destinare a loro il 5×1000, che rappresenta un mezzo di sostentamento indispensabile e che al tempo stesso non costituisce nessun  costo per  noi contribuenti!”

DONA IL TUO 5X1000 A PETER PAN!

Il nostro codice fiscale da inserire nella dichiarazione dei redditi è 97112690587.

Per informazioni su come donare il 5×1000 visita questa pagina o iscriviti alla nostra newsletter!

Raccontiamolo questo 5×1000! La storia di Susanna, una Wendy.

volontari per il 5x1000 a Peter Pan

volontari per il 5x1000 a Peter Pan

 

Il 5×1000 attraverso i volontari di Peter Pan: la storia di Susanna.

Susanna è una volontaria in servizio nella Grande Casa di Peter Pan. Qui ci racconta perché il tuo aiuto è importante per tanti bambini malati di cancro e per le loro famiglie! Questa è la sua storia!

“E tu come ti chiami?”.

Era il mio primo giorno come volontaria a Peter Pan e avevo dimenticato di scrivere il nome sulla maglia.

“Vado subito a prendere i pennarelli e lo scriviamo insieme” dissi al bambino che me lo aveva chiesto. In quel momento capii quanto siamo importanti per loro in questo duro percorso che stanno affrontando.

Sono Susanna ho 23 anni e da 3 anni sono una volontaria di Peter Pan. Dopo il diploma ho sentito il bisogno di dedicarmi al volontariato.  Così mi sono messa alla ricerca in internet di associazioni che avessero a che fare con il Bambin Gesù, un ospedale a me caro. Subito ho trovato Peter Pan. Ho dato un’occhiata al sito e sono rimasta colpita dalla sua particolarità. Non ho esitato un secondo e ho invitato la domanda. Da quel momento è stata tutta una magnifica scoperta. Ad iniziare dal percorso di formazione per i volontari, in cui ognuno ha la possibilità di conoscere persone fantastiche che troverà sempre al proprio fianco nel cammino all’interno della casa. La formazione ti prepara all’impatto con la realtà di Peter Pan, tanto unico e speciale, quanto forte e duro allo stesso tempo. Io sono diventata una Wendy. La mia equipe lavora a stretto contatto con i bambini che, nonostante la malattia, sono pieni di vitalità. Passiamo con loro interi pomeriggi tra giochi ed attività, con tanto di feste per ogni occasione!

Certo, Peter Pan non è solo momenti felici, è fatto anche di brutti momenti, come la morte di un bambino, che travolge l’intera casa e chiunque abbia a che fare con questa. Tuttavia l’amore e la determinazione che lega ogni singola persona presente, dalle famiglie, ai volontari, allo staff, è in grado di aiutare ad affrontare e superare questi momenti.

E proprio questo amore rende speciale e unica Peter Pan. Ogni giorno da 3 anni ne ho la piena conferma e ogni giorno da 3 anni la mia motivazione viene sempre più rafforzata da tutti quei piccoli che prima di tornare a casa al termine delle cure ti abbracciano emozionati come per dirti “ce l’ho fatta”, o dai genitori che ti salutano semplicemente con un “GRAZIE” carico di emozione. Tutta questa magia, mi piace chiamarla così, è possibile grazie a questa meravigliosa associazione. Peter Pan per esistere ha bisogno di un grande sostegno dall’esterno. Qualsiasi contributo dal più piccolo al più grande è prezioso. Uno di questi è il 5×1000. Una piccola donazione che fa una grande differenza! I nostri piccoli guerrieri ve ne saranno riconoscenti.

DONA IL TUO 5X1000 A PETER PAN!

Il nostro codice fiscale da inserire nella dichiarazione dei redditi è 97112690587.

Per informazioni su come donare il 5×1000 visita questa pagina o iscriviti alla nostra newsletter!

Metal For Kids 2019: il 25 maggio concerto per Peter Pan

metal for kids 2019 per peter pan

metal for kids 2019 per peter pan

 

METAL FOR KIDS UNITED: ALL STAR CHARITY JAM PER PETER PAN IL 25 MAGGIO

Sabato 25 maggio presso il Crossroads di Roma torna Metal For Kids United, evento benefico giunto alla sua quarta edizione e che quest’anno sosterrà l’Associazione Peter Pan Onlus e l’accoglienza dei bambini malati di cancro in cura a Roma.

Quattro i prestigiosi artisti stranieri che hanno aderito all’iniziativa: il cantante Ralf Scheepers (Primal Fear, ex Gamma Ray) e il chitarrista Roland Grapow (Masterplan, ex Helloween) dalla Germania, a cui si aggiungono il chitarrista/produttore Roy Z (Bruce Dickinson, Halford/Judas Priest) e il cantante Brian O’Connor (ex Vicious Rumors, Consfearacy) dagli Stati Uniti.

Ma il bill include anche altri numerosi nomi noti dell’Heavy Metal “Made in Italy” affermati a livello internazionale e promettenti band italiane, con lo scopo di portare un grande evento benefico nella capitale.

Il format del festival avrà una durata di oltre 5 ore di musica.

ABOUT “METAL FOR KIDS. UNITED! ALL-STAR CHARITY JAM”

Metal For Kids. United! è un format musicale ideato nel 2016 da Fabrizio Troiano con lo scopo di sostenere e aiutare bambini in qualsiasi stato di necessità, attraverso iniziative di solidarietà in cui vengono chiamati alle armi artisti della scena Heavy Metal nazionale ed internazionale.

Concepito inizialmente come produzione di festival benefici secondo il format della All-Star Jam Session, Il Metal For Kids. United! si è sviluppato in seguito come un vero e proprio brand “indipendente” che porta avanti l’impegno nei confronti dei bambini bisognosi anche attraverso attività di sensibilizzazione, comunicazione e promozione di vario genere, avvalendosi sempre dell’Heavy Metal come sano portatore di messaggi positivi e di solidarietà.

Contatti: Fabrizio Troiano tel. +39 347 6967 107

Facebook: https//www.facebook.com/metalforkids

Email: metalforkids.united@gmail.com

I biglietti possono essere acquistati al momento su:
Costo del biglietto escluso prevendita: € 15,00