Certificazione Abio/Sip per ospedali ‘all’altezza dei bambini’

ROMA – ”Affideresti il tuo bambino alle cure di un ospedale non certificato?”. La risposta e’ no: i genitori devono poter ricoverare i propri figli in una struttura ospedaliera che, oltre alla qualita’ delle cure, metta al centro i bisogni e i diritti dei bambini e degli adolescenti. Ecco perche’ Fondazione ABIO Italia Onlus, per l’assistenza dei bambini ospedale in collaborazione con SIP, PROGEA e Joint Commission International, ha elaborato uno strumento che da un lato consente alle strutture ospedaliere di valutare la qualita’ del servizio offerto, dall’altro permette ai genitori di conoscere gli ospedali ”All’altezza dei bambini”, che hanno cioe’ ottenuto la Certificazione ABIO/SIP. L’Azienda Ospedaliera Niguarda Ca’ Granda di Milano e l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant’Orsola- Malpighi di Bologna hanno gia’ effettuato il percorso di valutazione, ottenendo entrambe il certificato di ospedale ”All’altezza dei bambini”. L’iniziativa e’ stata illustrata nel corso di un incontro aperto daVittorio Carnelli, Presidente di Fondazione ABIO Italia Onlus, che ha raccontato come ”dalla Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale si sia arrivati alla certificazione della qualita’ delle pediatrie attraverso l’esame dei punti concreti e misurabili del Manuale di Certificazione. Fondazione ABIO ha coinvolto in questo progetto, sin dall’inizio, SIP (Societa’ Italiana di Pediatria), IPASVI (Federazione Nazionale Collegi Infermieri professionali, Assistenti sanitari, Vigilatrici d’infanzia) in quanto intende rappresentare una visione condivisa sul futuro dell’ospedale. E’ stato pensato come un aiuto per le Direzioni Sanitarie per far emergere le eventuali criticita’ dei reparti di pediatria degli Ospedali generali ed elaborare un piano di lavoro per superarle, per garantire, attraverso la certificazione, la volonta’ e la capacita’ di andare oltre il concetto del curare per passare a quello che vogliamo sia il futuro: prendersi cura non solo delle patologie, ma di tutti i bisogni dei bambini e degli adolescenti, insieme a tutto il mondo familiare che li circonda. I bambini, gli adolescenti sono il nostro futuro e meritano di essere al centro dei nostri pensieri e delle nostre progettualita”’. ”L’accreditamento non e’ l’assegnazione di una medaglia – ha tenuto a sottolineare Alberto G. Ugazio, Presidente SIP – . E’ un processo rigoroso che permette di valutare se e in che misura un reparto pediatrico ha raggiunto standard elevati di qualita’ delle cure. Rappresenta il punto di partenza per un percorso di miglioramento, con l’indispensabile apporto dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie. L’accreditamento e’ quindi al contempo una garanzia e un impegno di cui oggi nessuno di noi puo’ fare a meno”. I dieci principi contenuti nella Carta dei Diritti sono stati raggruppati in 4 aree: accoglienza e supporto; informazione ed educazione dei bambini, degli adolescenti, dei familiari e informazioni; continuita’ delle cure e integrazione; specificita’ delle cure. Si e’ aggiunta una ulteriore area intitolata ”Leadership e Misure” per dare enfasi all’importanza della leadership ed al tema della raccolta dati e indicatori. La modalita’ di verifica e’ rappresentata dalla visita dei valutatori presso l’ospedale oggetto di valutazione. Il cuore del percorso si incentra nella visita presso il reparto di pediatria e nell’intervista al personale presente. L’ospedale dovra’ leggere criticamente il Manuale ed identificare le possibili aree di miglioramento.


Articoli Correlati