Dipendenza. Tabagismo, tra i giovanissimi modenesi un ?comportamento sociale?.

MODENA – Nell?adolescenza si comincia a fumare per curiosita?, per rilassarsi, per stare in compagnia, per provare piacere e sperimentare qualcosa di nuovo. Il tabagismo, insomma, tra i giovanissimi, e? un comportamento sociale. A sostenerlo e? la ricerca ?Quale rischio di tabagismo tra gli adolescenti??, condotta a Modena su 660 studenti (del Liceo scientifico Tassoni) di eta? compresa tra i 16 e i 19 anni, promossa dal Comune. In linea con i dati nazionali, a Modena i fumatori sono tra il 20 e il 30[%] degli studenti, per lo piu? hanno iniziato tra i 14 e i 16 anni, nonostante siano consapevoli dei rischi per la salute che il fumo comporta. La raccolta dei dati per l?indagine, realizzata insieme ad attivita? di prevenzione nelle scuole, e? stata portata avanti attraverso un questionario, con l?obiettivo di indagare comportamenti e atteggiamenti associati al fumo di tabacco, e poi di suggerire interventi per limitarne o prevenirne il consumo. ?I risultati ottenuti – spiega Tiziana Mancini, docente dell?Universita? di Parma e tra le curatrici della ricerca – mostrano un atteggiamento sempre piu? consapevole dei rischi legati al fumo per la propria salute e per quella altrui. I ragazzi dichiarano inoltre di fumare principalmente con gli amici e nei luoghi di ritrovo, con motivazioni precise: non tanto perche? con la sigaretta in bocca si sentono grandi o parte del gruppo, quanto piuttosto per rilassarsi, sperimentare qualcosa di nuovo e provare un piacere?. Quanto alla salute, i ragazzi – sia i non fumatori  che i fumatori – conoscono bene i pericoli legati al tabacco e la meta? di loro ritiene sia efficace proibire il fumo nei locali e nei luoghi pubblici. ?La dimostrazione di cio? – prosegue Tiziana Mancini – e? che le prime quattro associazioni legate alla parola fumo sono dipendenza, alcol, inquinamento, tumori?. I ragazzi sostengono, pero?, che il buon esempio debba arrivare soprattutto dai grandi: ?E? necessario un salto di qualita? – sottolinea l?assessore alle Politiche per la salute del Comune di Modena, Simona Arletti – nell?assunzione di responsabilita? degli adulti verso i giovani. La ricerca e? nata anche per questo e per mettere in campo azioni concrete: nelle classi continueremo a proporre incontri e momenti di riflessione, in collaborazione con l?Azienda Usl, e abbiamo lanciato un bando di 12mila euro che premiera? i 12 migliori progetti delle scuole cittadine impegnate in attivita? inerenti alle tematiche della prevenzione sanitaria?.


Articoli Correlati