Dossier Nucleare/Sarti: “Scelta dannosa da ogni punto di vista”

GENOVA – "Al di fuori di ogni disputa ideologica, bisogna avere il coraggio di dire che la scelta dell?energia nucleare ? dannosa da ogni punto di vista": lo dice Stefano Sarti di Legambiente Liguria. "Non ? vero infatti che le centrali nucleari siano sicure: studi approfonditi, ad esempio sulla centrale di Sellafield in Gran Bretagna, hanno evidenziato rilasci in atmosfera di radioattivit? anche durante il normale funzionamento della centrale (cio? senza incidenti rilevanti) e sono state ad esse collegate il tasso di leucemie e tumori infantili più alti in quella zona che nel resto del paese; dobbiamo considerare poi – continua Sarti – come elementi della sicurezza il problema dello smaltimento delle scorie (che rimangono radioattive per migliaia di anni) e lo stesso smantellamento delle centrali, le cui strutture presentano anch?esse problemi di radioattivit?. Voglio anche ricordare che se ? senz?altro vero che il più grave incidente rilevante ? stato quello di Chernobyl, vi sono stati altri due gravi incidenti in centrali nuclerari di paesi occidentali e che ? curioso che non vengano citate dai fautori del nucleare, ovverosia Tree Mile Island negli Stati Uniti (1979) e Tokaimura in Giappone nel 1999. L?affermazione poi che le centrali nucleari di ultima generazione siano migliori delle precedenti ? senz?altro vera, ma non risolve il problema di fondo, e cio? che niente pu? fermare l?eventuale evento disastroso, sino alla cosiddetta fusione del nocciolo del reattore in quanto (come Chernobyl insegna) non si pu? fermare il ciclo connesso alla fissione dell?atomo in caso di incidente. Non esiste cio? nucleare ?intrinsecamente sicuro? da tecnologia di fissione nucleare, semmai questo pu? essere in parte più vero con la fusione che come tutti sappiamo ? ancora lontana decine e decine di anni da essere realizzata".


Articoli Correlati