Farmaci: studio conferma efficacia Rituximab contro linfomi

ROMA – Nuove conferme di efficacia per l’innovativo anticorpo monoclonale ‘Rituximab’ nella cura del linfoma Non-Hodgkin (LNH), patologia che colpisce 1 milione di persone in tutto il mondo, con circa 200.000 morti ogni anno.
Uno studio pubblicato dal Journal of the National Cancer Institute dimostra infatti che rituximab, prodotto dalla Roche, migliora la sopravvivenza dei pazienti affetti da linfoma indipendentemente dal regime di chemioterapia utilizzato.
In particolare, l’analisi ha confermato come l’anticorpo monoclonale abbia rivoluzionato lo storia naturale del linfoma Non Hodgkin follicolare, una delle forme piu’ diffuse di LNH.
Inoltre, per la prima volta e’ stato dimostrato che rituximab ha migliorato la sopravvivenza anche nei pazienti con una forma rara ed aggressiva di linfoma, quello mantellare. Lo studio – una meta-analisi sistematica e completa che include 7 ampi trial clinici che hanno coinvolto oltre 1900 pazienti (di nuova diagnosi o ricaduti) – ha messo a confronto i risultati ottenuti dal trattamento con rituximab in aggiunta alla chemioterapia rispetto a quelli della sola chemioterapia. La revisione ha dimostrato nei pazienti trattati con rituximab non solo un miglioramento nella sopravvivenza globale, ma anche un controllo della patologia significativamente superiore rispetto a quella ottenuta nei pazienti trattati con la sola chemioterapia. "Questa meta-analisi – commenta il prof. Paolo Corradini, Direttore del Dipartimento di Medicina Oncologica dell’Istituto Nazionale dei Tumori e professore di ematologia all’Universita’ Statale di Milano – dimostra che l’utilizzo di rituximab puo’ realmente essere considerato un vero e proprio paradigma nella ricerca per il trattamento dei linfomi. I risultati di oggi – prosegue – confermano ulteriormente i benefici significativi della sua associazione con la chemioterapia, indipendentemente dal tipo di chemioterapia utilizzata. L’applicazione del modello immuno-chemioterapico trova quindi ulteriori importanti dati a supporto".


Articoli Correlati