Fumo: esperto, in Italia 300 morti l?anno per quello passivo

MILANO – Ogni anno in Italia muoiono 300 persone a causa del fumo passivo, persone che ?sono state ?uccise? dal fumo degli altri?. A dirlo e? Lucio Luzzatto, direttore scientifico dell?Istituto Toscano Tumori, durante la presentazione oggi a Milano del primo incontro per la quinta conferenza su ambiente e salute, promossa dall?Organizzazione mondiale della sanita?. ?Mi rendo conto che non si puo? semplicemente smettere di fare sigarette – ha detto l?esperto – ma, come scienziato, dico che non dovremmo esportare questa grave causa di morte negli altri Paesi. Se non si facesse, sarebbe meglio?.
Per la lotta al fumo, ?A livello internazionale – ha aggiunto Marc Danzon, direttore regionale Oms Europa – sono state fatte molte norme, che l?Italia sta applicando in modo molto serio. Sono convinto che non esista alcuna ragione per proteggere l?industria del tabacco, che produce solo qualcosa che da? piacere e che aumenta il rischio di malattie. Ma basta andare negli ospedali per vedere gli effetti di questo piacere.  Non ci si ammazza solo da se? – ha concluso – ma si uccidono anche gli altri. Le leggi contro il fumo tra 10 anni dimostreranno il loro grande effetto, e l?Italia sta dando un grandissimo esempio con l?applicazione di queste norme?. 


Articoli Correlati