Giffoni: due film francesi per raccontare il cancro che colpisce i bambini

SALERNO – Non solo risate e cartoni animati. Al Festival di cinema per ragazzi più famoso al mondo, il Giffoni Film Festival, si tratta con coraggio anche un tema tabù, quello della  malattia di un bambino.  Sono due i film in concorso, entrambi francesi, ad affrontare in modi diversi – ciascuno adatto alla categoria di giurati a cui è rivolto – ma con la stessa grazia il tema del cancro infantile: "Seeding dreams", che sarà proiettato domani nella categoria Elements + 10, e "Oscar and the lady in pink", tratto dall’omonimo best seller tradotto in oltre 40 lingue e atteso per la settimana prossima, nella categoria Generator + 13. "Seeding dreams" racconta la toccante storia di Théo, 6 anni. In un libro per bambini scopre che la luna ha poteri curativi. Con l’aiuto del fratello maggiore, Arthur, e di Pierre, che lavora di notte presso l’ospedale come portiere, comincia a cercare un pezzo di luna. Grande attesa anche per "Oscar and the lady in pink": protagonista un bambino di 10 anni,  degente in ospedale. Solo Rose, la scontrosa signora che gli consegna le pizze, parla chiaramente con lui e gli dice la verità sulla sua malattia. Per farlo distrarre, Rose propone ad Oscar un gioco: d’ora in poi faranno finta che ogni giorno di Oscar vale 10 anni. In questo modo, la donna offre al bambino una vita intera nel giro di pochi giorni. "Questo racconto è arrivato al cuore della gente. I primi a leggerlo sono stati i medici che ne hanno acquistato dozzine di copie per darle al personale delle loro cliniche o ad alcuni dei loro pazienti,- ha commentato il regista ed autore del libro Eric-Emmanuel Schmitt, che ha esordito con il successo Odette Toulemonde – ha contribuito all’umanizzazione dell’ospedale e ha aiutato a comprendere la posizione degli ammalati".

 


Articoli Correlati