In Puglia assistenza domiciliare ai bambini

BARI – La Regione Puglia e? tra le prime Regioni in Italia ad aver varato oggi una convenzione per l?assistenza domiciliare oncologica pediatrica. La convenzione – che ha la durata di un anno – e? stata siglata oggi dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, il direttore generale del Policlinico, Antonio Castorani, e dal rappresentante legale dell?Associazione pugliese per la lotta contro le empatie e i tumori nell?infanzia (Apleti), Francesco Murgolo. Il progetto prevede la realizzazione del Centro di riferimento regionale presso il Policlinico di Bari e lo sviluppo di una rete di strutture. Nella prima fase si prevede di dare assistenza domiciliare a una ventina di bambini, indicati dai medici oncologi che lavorano al Policlinico secondo il livello di criticita? della malattia che presentano. Sono circa 100 i bambini malati di tumori che fanno riferimento al Policlinico di Bari; circa 1000 i piccoli ammalati di tutta la Puglia. Il bacino territoriale di utenza, al momento, sara? quello di Bari e di Barletta. ?Comincia una buona pratica – ha detto Vendola – che puo? avere un riverbero positivo sul servizio sanitario regionale?. ?Si tratta di mettere in piedi un modello, di validarlo, di poter in qualche maniera – ha detto Vendola – ricordare a noi stessi che la continuita? terapeutica e? un dato fondamentale e che quando e? possibile evitare l?ospedalizzazione e invece portare le cure, il calore e la scienza, dentro l?ambiente domestico e farlo anche con le cure delle associazioni di volontariato, questo puo? far evolvere la nostra medicina proprio nella direzione di mettere al centro il vissuto, la voce, i diritti degli ammalati, soprattutto dei piu? piccoli?. La Regione Puglia liquidera? complessivamente all?Apleti 100.000 euro in tre momenti: 50.000 all?avvio delle attivita?, 30.000 dopo la rendicontazione quadrimestrale e 20.000 a dichiarazione di fine attivita? con relativa rendicontazione finale. Per l?assistenza domiciliare saranno utilizzati infermieri (il loro impegno e? previsto fuori dall?orario di lavoro e sara? compensato a prestazione) e medici del reparto di oncologia del Policlinico di Bari.


Articoli Correlati