Influenza A, allattamento prima difesa contro il virus

ROMA – Anche se ammalate di influenza suina, si puo’ allattare. E’ quanto sostiene La Leche League, la lega per l’allattamento materno, che in un comunicato risponde ai dubbi delle donne che allattano. Che sia influenza dei polli, dei maiali o degli umani, la risposta de La Leche League e’ sempre la stessa: "Non solo va benissimo allattare i propri bambini anche se si e’ influenzate, ma allattando si aumentano i benefici che loro ne possono trarre". Molti germi, infatti, non si trasmettono attraverso il latte. "Questa forma di influenza- si legge ancora nella nota- e’ comparsa di recente, tuttavia sappiamo, dai casi di influenze passate, che la trasmissione virale e’ estremamente rara e che i bambini che entrano in contatto con il virus dell’influenza e sono allattati, si ammalano meno spesso e generalmente in forma piu’ lieve di quelli non allattati". Una delle innumerevoli meraviglie del latte umano e’ che "mentre il corpo della madre crea gli anticorpi per combattere la malattia- svela La Leche League- gli stessi anticorpi passano direttamente nel latte, proteggendo i figli e diminuendo la forza del contagio". Il latte materno, dunque, oltre a produrre anticorpi specifici per numerose malattie virali, ne offre anche per le infezioni batteriche, che costituiscono le tipiche complicazioni dell’influenza, ad esempio la polmonite e la diarrea. "Non e’ necessario- continua il comunicato- separare madre e bambino se la mamma e’ ammalata. I bambini vengono esposti al contagio di ogni malattia ben prima che le mamme sappiano di essere malate". La Leche League ricorda poi che "molti farmaci sono compatibili con l’allattamento. Anche nel caso dell’influenza, e delle sue complicazioni, il pediatra puo’ prescrivere farmaci compatibili, cosi’ come e’ compatibile il vaccino". In caso di dubbi si puo’ interpellare l’istituto Mario Negri di Milano, al numero verde 800.88.33.00 attivo 24 ore su 24.


Articoli Correlati