La Lilt regala un libro ai piccoli degenti

TREVISO – Per rendere ai piccoli degenti la permanenza in ospedale quanto più serena possibile, anche la Lilt, Lega italiana per la lotta contro i tumori, ? in prima linea con il Progetto ?Perch? ho bisogno di un sorriso?. E? nato nell’inverno del 2007 per rispondere alla richiesta dei medici del Dipartimento pediatrico e della Neuropsichiatria infantile dell’Ospedale di Treviso (in foto), di sostenere la centralit? del giovane paziente e dei suoi genitori nel processo che porta all’intervento chirurgico, garantendo uno spazio adeguato agli aspetti umani e psicologici.Nel giugno 2008, poi, il gruppo Giocare in Corsia della Lilt ha avviato l’Isola Serena. Si tratta del servizio di gioco in Pediatria per i giovani pazienti in attesa dell’intervento chirurgico, condotto dalla educatrice Serena Zanon, con la supervisione della psicologa Francesca Scarano. L?obiettivo ? quello di offrire la possibilit? ai piccoli e ai loro genitori di distogliere l’attenzione dall’imminente intervento chirurgico, con spazi di gioco e interazione.Il gruppo di volontari ora mette a disposizione dell’Unit? Operativa di Chirurgia Pediatrica il libricino ?La Grande Quercia?, con il quale la Lilt intendiamo offrire la possibilit? di fruire di percorsi cognitivi di conoscenza affinch? i piccoli pazienti possano interpretare gli eventi che andranno a vivere in modo meno emotivo e meno minaccioso. Il volume ? scritto a quattro mani proprio da Serena Zanon e Francesca Scarano, ? stato prodotto e stampato dalla Lilt in collaborazione con l?Ulss 9 di Treviso.Verr? distribuito gratuitamente a partire dal 15 giugno, ai bimbi fino agli otto anni, in occasione della visita pre-operatoria, che anticipa e prepara l’intervento chirurgico in regime di day surgery, presso l’Unit? operativa di Chirurgia pediatrica dell’ospedale di Treviso.


Articoli Correlati