Laboratorio di arte e pittura nel reparto di pediatria oncologica

NAPOLI – Giancarlo Pesce, allievo dell? Accademia delle Belle Arti di Napoli, presenta al vasto pubblico le sue ultime opere pittoriche presso lo Studio Arti e Decorazione ? Le Muse ? di Napoli ( via Toledo 272, tel. 081 658 33 03 ). La prima personale dell? artista napoletano, intitolata ? Estensioni ? ? frutto di lunghe ricerche nel campo espressivo. La mostra sar? inaugurata venerdì, 14 dicembre 2007, alle ore 18.30 e rimarr? aperta fino al 21 dicembre 2007, dal lunedì al venerdì ore 17 ? 20. L? evento ? il punto di partenza di un progetto ideato in collaborazione con il Servizio di Oncologia Pediatrica del Dipartimento di Pediatria della Seconda Universit? di Napoli. All? inaugurazione della mostra interverr? la prof. ssa Fiorina Casale, responsabile del Servizio.
Il progetto ? Colori in gioco ? prevede la creazione di un laboratorio d? arte e di pittura all? interno del reparto di Pediatria Oncologica, dove l? artista stesso, insieme all? Associazione Culturale ? Le Muse ? onlus di Napoli, condurr? i piccoli pazienti nel mondo dell? arte di creare giocando con i colori. L? artista dice di se: ? Ci sono stati d? animo e momenti della vita che chiedono di esser estrinsecati attraverso una particolare forma espressiva. Il modo nel quale vengono vissuti e i segni che lasciano, ci porta spesso a voler trasmettere le nostre sensazioni agli altri?? ? Estensioni ? ? il risultato di una serie di circostanze raccontate attraverso la pittura, dove le emozioni dell? artista attraverso il segno e il colore ( spesso leggero ed impercettibile come l? opera che da il titolo alla rassegna ), assumono la forma di una materia viva che cresce e si estende a chi gli ? intorno. Un? estensione dell? anima, dove le emozioni e il proprio vissuto, diventano attraverso il lavoro dell? artista, a sua volta, una linea di contatto, un fil rouge, che raggiunge colui che guarda, trasfondendogli nuove emozioni. Ed ? da qui, che ? nato il desiderio di estendere, donare, a chi ne ha più bisogno. La gioia di creare, la voglia di evadere in un mondo di segni e di colori, l? emozione di vivere insieme le nuove esperienze e sensazioni, ? come un donare da chi ha ricevuto in dono.
L? esposizione non ? solo la tappa di un percorso artistico, ma soprattutto la cristallizzazione di un momento, la presa di coscienza di una realt? che spesso ci sfugge, che ci sembra lontana e irreale, ma che esiste e cresce nel silenzio. I proventi della mostra saranno devoluti all? AGOP ? Campania ( Associazione Genitori Oncologia Pediatrica ).


Articoli Correlati