Lega Tumori, nuove case alloggio per bimbi malati

MILANO – La Sezione Provinciale di Milano della Lilt ha inaugurato oggi le Case Alloggio Bambini completamente ristrutturate con il contributo di Ikea e di un donatore che ha voluto mantenere l’anonimato, per ospitare le famiglie con figli malati di tumore in terapia ambulatoriale presso l’Oncologia Pediatrica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. L’idea di organizzare un servizio di accoglienza extra ospedaliero per le famiglie dei bambini in cura, spiega la Lilt, nacque nel 1979 sull’esempio di quanto gi? realizzato negli Stati Uniti. La prima casa, concessa alla Lega Tumori dall’allora Istituto Case Popolari, la stessa che oggi viene inaugurata tutta ristrutturata, ? stata avviata nel 1980; le altre 2 nel 1985 e nel 1992. La Lilt oggi gestisce 3 Case Alloggio, 1 in via Carlo Forlanini e 2 in via Botticelli, con una capacit? complessiva di 14 posti letto. L’assegnazione delle Case avviene attraverso un’attenta procedura di valutazione di quelle che sono le reali necessit? del richiedente, sulla base di alcuni indicatori socio economici di riferimento e sull’effettiva situazione di cura. Nel 2008 sono stati ospitati 75 bambini con un genitore per un totale di 3800 pernottamenti. "Voglio innanzitutto ringraziare ancora oggi quanti ci hanno sostenuto in questo progetto di rinnovamento delle Case Alloggio Bambini – afferma Gianni Ravasi presidente della Sezione provinciale di Milano della Lilt – L’insorgenza di un tumore in un bambino ? un evento che sconvolge a tal punto la quotidianit? della famiglia per cui anche i genitori,  comprensibilmente disorientati, vanno aiutati nel difficile compito di seguire il figlio nel percorso terapeutico. Infatti al dolore per la malattia dei figli, si aggiungono i problemi legati alla necessit? di trasferirsi in un’altra città o regione, primo fra tutti la ricerca di un alloggio che richiede spesso un impegno economico non indifferente".


Articoli Correlati