Leo Club con Airc contro i tumori infantili, oltre 5mila giovani volontari

Migliaia di giovani Leo, associazione giovanile dei Lions Club si affiancano ad Airc per sostenere il Progetto Interregionale Pediatrico triennale partito nel 2005
5.000 ragazzi dei Leo Club sono a fianco di Airc da luglio 2006 per un intero anno per sostenere la ricerca sui tumori infantili con il ?Progetto LEO per Airc ", che prevede la raccolta di 143.000 euro per finanziare la ricerca su due rare tipologie di tumori al sistema nervoso centrale che colpiscono i bambini: l?ependimoma e il medulloblastoma. Sono stati gi? raccolti 100.000 euro ma i Leo hanno l?obiettivo di raddoppiare questa cifra attraverso due nuove iniziative:
Lunedì 19 marzo: LEO LIVE AID ? ?La Notte delle Chitarre?
Grande concerto rock, che si terr? presso l?Alcatraz di Milano (via Valtellina 25) denominato "La Notte delle Chitarre" e che vede protagonisti di questa serata dedicata alla
musica italiana i chitarristi delle più importanti rockstar italiane di tutti i tempi: Maurizio Solieri (Vasco Rossi e Srb), Cesareo (Elio e Le Storie Tese), Ricky Portera (Lucio Dalla e fondatore degli Stadio), Max Cottafavi (ex Ligabue) e, special guest del concerto, ad allietare il pubblico ci sar? Enrico Ruggeri e il suo chitarrista Luigi Schiavone.
Domenica 25 marzo: Giornata Nazionale Leo
I 5.000 soci dei Leo Club Italiani distribuiranno in 500 piazze in tutta Italia una piccola colomba pasquale con lo scopo di raccogliere fondi a favore del progetto Leo
?Sono molto contento di far parte di questa iniziativa ? ha detto Ruggeri -, alla quale ho aderito più che volentieri. Gi? da qualche anno la mia amicizia con le Custodie Cautelari e con i chitarristi, mi ha portato a partecipare ad alcuni di questi eventi, peraltro molto divertenti, a volte entusiasmanti. E? bello infatti far parte di una formula di spettacolo così allargata, con così tanti ospiti, e di potersi presentare in un contesto così differente da quello che invece potrebbe essere un mio concerto, divertendomi, confrontandomi con 10 musicisti eccezionali e aderendo a quella che sicuramente ? un?iniziativa benefica degna di nota. Ci tengo a sottolineare ? ha concluso Enrico Ruggeri – che tra i 10 musicisti ?eccellenti? (Custodie, Solieri, Cesareo, Portera, Cottafavi), ci sar? anche il mio collega di sempre , Luigi Schiavone, mio chitarrista e coautore di diverse mie canzoni (una su tutte, ?Quello che le donne non dicono?)".
I Leo Italiani sono i soci del Leo Club, Associazione giovanile del Lions Club International, composta da ragazzi tra i 12 e i 30 anni. Oggi in Italia costituiscono una realt? di oltre 5.000 ragazzi organizzati in più di 390 Club, capaci di mettersi a disposizione per fornire un contributo fattivo a sostegno delle realt? più fragili nella nostra societ?, sia attraverso l?organizzazione di campagne di sensibilizzazione o raccolte fondi, sia attraverso operazioni di volontariato attivo sul territorio, in accordo con le più note associazioni umanitarie.
Il ricavato di queste due iniziative sar? totalmente devoluto ad Airc a sostegno del Progetto Interregionale Pediatrico partito nel 2005, che coinvolge due ?cordate? di ricercatori ? il meglio dell?oncologia pediatrica italiana – impegnate nello studio e nella cura di due forme rare e ancora resistenti alle cure di tumore cerebrale infantile: il medulloblastoma e l?ependimoma.
I risultati sono gi? concreti: per quanto riguarda gli studi sugli ependimomi, la ricerca ? giunta a comprendere il perché ogni paziente risponde in maniera differente alle cure, base necessaria per poter elaborare nuove terapie. In particolare, lo studio coordinato dalla dottoressa Maura Massimino dell?Istituto Nazionale dei Tumori di Milano – nel cui gruppo opera il dottor Piergiorgio Modena – ha identificato alcuni i geni che, se attivi, rappresentano una probabile causa di sviluppo del tumore. La scoperta permette di identificare farmaci mirati che andranno a colpire solo i geni responsabili dell?ependimoma.
Inoltre, sono stati identificati dai ricercatori i geni [le alterazioni molecolari] responsabili di
specifiche caratteristiche dell’ ependimoma, fornendo un aiuto alla corretta diagnosi e prognosi di questo tumore.
Sul fronte del medulloblastoma, ? attualmente in fase di sperimentazione un nuovo farmaco ?intelligente? in grado di bloccare il meccanismo che porta la cellula malata a dare corso al tumore. ?Tutti i farmaci per l?oncologia pediatrica rientrano in ultima analisi nella categoria dei Farmaci Orfani ? sostiene Andrea Pession, ricercatore presso la Clinica Pediatrica dell?Universit? di Bologna che fa parte della ?cordata? condotta da Achille Iolascon del Ceinge di Napoli ? ovvero quei farmaci destinati a patologie rare e non ancora curabili. Per questi motivi, il costo dello sviluppo dei farmaci ? mol o alto e sono pochi gli investitori che ritengono doveroso svilupparli. Airc ? uno di questi?.
?E? proprio sulla scia dei traguardi gi? raggiunti – sostengono dall?Airc – e di quelli che si prospettano all?orizzonte che il Progetto Interregionale Pediatrico deve giungere al suo terzo e ultimo ciclo di lavoro. Ed ? per questo che Airc ringrazia i giovani volontari Leo Club e tutti coloro che, nel corso dei prossimi mesi, partecipando alle iniziative Airc risponderanno a un invito irrinunciabile: eliminare il cancro dalla vita dei bambini.>>


Articoli Correlati