Pediatria, parte un progetto di psico-oncologia

“Un progetto elaborato e proposto dall’associazione Giulia con il sostegno della Provincia, del Comune di Ferrara, dell’Ausl e con la collaborazione dei Comuni di Argenta e Lagosanto”.
Così il vicepresidente della Provincia con delega alla Sanità, Massimiliano Fiorillo, ha presentato l’iniziativa di assistenza psico-oncologica in età pediatrica, che avrà una rilevanza provinciale, visto che farà appoggio anche nei tre distretti sanitari territoriali di Argenta, Lagosanto e Cento.
Alla presentazione c’erano infatti anche le assessore delle giunte di Argenta e Lagosanto, Samuela Pamini e Caterina Palmonari.
Il problema affrontato è quello dell’impatto che le malattie oncologiche hanno sui più piccoli, in special modo sul loro equilibrio psichico, emotivo e comportamentale, oltreché sull’appr imento scolastico. Un quadro di disagio complessivo che si riflette poi sull’intero contesto familiare e che da anni è sotto osservazione dell’associazione Giulia, da tempo attiva a Ferrara.
“È un progetto nato nel 2007 – conferma infatti il presidente dell’associazione Michele Grassi – con il sostegno del Comune di Ferrara nell’ambito dei Piani di zona e successivamente allargatosi ai bambini sani con genitori affetti da tumori”.
Il servizio di assistenza è completamente gratuito, come ha spiegato la psicologa Sonia Todaro (che collabora con l’associazione Giulia dal 2007), ed è nato con l’intento di prevenire il disagio di famiglie, figli e genitori, attraverso l’attività di consulenza e sostegno che materialmente viene garantito con incontri a cadenza settimanale.
“Quello psico-oncologico – ha ricordato il nuovo direttore sanitario dell’Ausl Mauro Marabini – è un aiuto a tutto campo offerto a pazienti, operatori e famiglie e in questo ambito il ruolo del volontariato è assolutamente specifico e prezioso”.
Per l’assessore alla Sanità del Comune di Ferrara, Chiara Sapigni, l’associazione Giulia è riuscita con grande merito ad entrare in una fascia di bisogno particolare e sta dimostrando che, con spirito di collaborazione, “Insieme si può fare di più. Tutti elementi – ha concluso – che conferiscono valore aggiunto ad un progetto che è giusto allargare per la delicatezza dell’ambito di cui si interessa”.


Articoli Correlati