Per 25[%] viaggi della speranza burocrazia e costi elevati

ROMA – L?aumento dei ?viaggi della speranza? all?estero per curarsi comporta uno strascico di difficolta?  burocratiche e costi elevati per il 25[%] degli italiani che superano il confine per curarsi. Il dato e? stato segnalato da Cittadinanzattiva durante la presentazione della Giornata europea dei diritti del malato che si tiene domani in 25 paesi. Secondo i dati presentati chi si e? rivolto a Cittadinanzattiva nel 2007 lo ha fatto in un caso su tre per informazioni relative ai diritti,  per denunciare autorizzazioni o rimborsi rifiutati (21[%]) o per gli alti costi sostenuti che arrivano fino a 60mila euro per un trapianto di midollo:?Il dato e? preoccupante perche? un cittadino ha il diritto di scegliere dove curarsi, mentre in sempre piu? casi si incontrano problemi – ha affermato Francesca Moccia, coordinatrice nazionale del Tribunale per il Malato – a spingere gli italiani ad andare all?estero e? soprattutto la ricerca dell?innovazione, dell?ultima diagnosi o cura disponibile, soprattutto in campo oncologico e chirurgico?. Il problema dei diritti del malato non e? comunque limitato all?Italia: da un?indagine presentata sui 14 paesi della ?vecchia Europa? quello delle liste di attesa e? risultato essere il problema piu? sentito ovunque:?Su questo tema si sta aspettando una direttiva europea che e? non e? ancora stata approvata – ha affermato Charlotte Roffiaen direttore di Active citizen network, la rete europea di associazioni per i cittadini questa direttiva non e? una panacea, ma e? un inizio, a cui chiediamo di aggiungere ad esempio la proclamazione del 18 aprile come giornata europea dei diritti del malato?.


Articoli Correlati