Piccoli pazienti in visita ai delfini di Oltremare

Una trentina di bimbi seguiti per patologie oncoematologiche pediatriche hanno fatto una visita, un po’ particolare, al parco Oltremare di Riccione
Delfini (Ansa)Rimini 30 luglio 2011 – Forse i bambini non sanno che anche i delfini possono ammalarsi. E che vengono sottoposti, in via preventiva, a prelievi ematici, diagnosi ed eventualmente a cure. Questo per un bimbo affetto da una patologia oncologica – che lo costringe a trascorrere molta parte della sua vita in ospedale, tra continui prelievi, flebo, cure anche invasive – può essere una piccola consolazione.
Così è stato per una trentina di bimbi seguiti per patologie oncoematologiche pediatriche presso l’Unità Operativa di Pediatria dell’Ospedale “Infermi” di Rimini, guidata dal professor Vico Vecchi, che, in più tranche, hanno fatto una visita, un po’ particolare, al parco Oltremare di Riccione. Non si sono limitati infatti a vedere gli animali, acquatici e non, ospiti della struttura, sono stati introdotti pure all’area in cui i delfini vengono sottoposti ad esami preventivi.
“Per loro è significativo vedere che anche ai delfini vengono fatti i prelievi, e che le modalità sono, tra l’altro, tecnicamente molto simili a quelle dei prelievi che vengono fatti a loro – raccontano il professor Vecchi e la dottoressa Samanta Nucci, psicologa presso l’unità operativa, che hanno accompagnato i piccoli pazienti nella visita guidata -. Anche il fatto di doversi disinfettare i piedi prima di entrare nella clinica dei delfini, così come i visitatori che vanno a trovare loro mettono la mascherina, o il fatto di mettere le medicine nel cibo del pesce, come a volte per i bimbi si mette la medicina nello jogurth, ha creato una sensazione di normalità. Si è trattato insomma di momenti importanti, ludico-terapeutici, per i piccoli pazienti che hanno vissuto ore liete e spensierate. Momenti che speriamo di poter replicare anche in futuro”.
L’Azienda ringrazia sentitamente la dirigenza del parco, e in particolare Daniele Zanzi (responsabile animali del parco), Barbara Biancani (veterinaria), Paola Berardi (ex addestratrice dei delfini), nonché gli addestratori Gianni, Laura, Barbara e Giacomo.

Fonte: http://www.ilrestodelcarlino.it/


Articoli Correlati