Progetto Itaca, in barca contro la leucemia

Domenica ha preso il via da Genova il Progetto Itaca promosso dall’Associazione Italiana contro le Leucemie i Linfomi e il Mieloma, nato da un?idea della Sezione AIL di Brescia. Un viaggio di 1300 miglia di due imbarcazioni oceaniche offerto ai pazienti di diversa et? provenienti da 15 Centri di Ematologia e finalizzato alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualit? della vita dei malati ematologici. La vela, per le particolari ed uniche condizioni in cui viene svolta e per gli stimoli che offre, ? utilizzabile come metodo terapeutico per persone con diverse disabilit? e per molte patologie offrendo potenzialit? eccezionali. La riabilitazione assume in questo progetto un valore fondante della terapia ematologica ed ? per questo che l’AIL permetter? a quasi 500 persone che hanno vissuto l’esperienza della malattia di vivere una giornata calibrata sugli stimoli che solo la vela pu? regalare: andare oltre i limiti che sono dentro di noi. Dario Mio e Michele Costa, Testimonial AIL, saranno i ?velisti d?eccezione? per tutta la durata del tour. Le due imbarcazioni oceaniche di 24 metri messe a disposizione dell’AIL da Campione Sailing (Societ? Sportiva dilettantistica a responsabilit? limitata senza scopo di lucro) sono salpate dallo Yacht Club Italiano. Inaugurerano il tour il Presidente dell?AIL di Genova (una delle Sezioni ?storiche? dell?Associazione), Sergio Bianchi e  Andrea Bacigalupo ? primario della Divisione di Ematologia dell?Ospedale San Martino. Oggi il primo Itaca Day a Marina di Carrara: più di 40 pazienti accompagnati da un ?quipe medica multispecialistica hanno avuto la possibilit? di provare l’esperienza della vela in una giornata interamente dedicata alla loro riabilitazione psicologica. In ogni porto un gruppo di volontari AIL si occuper? di accogliere gli ospiti che parteciperanno alla veleggiata pomeridiana, le autorit? e la stampa locale. Le prossime tappe del tour saranno nei porti di:  CIVITAVECCHIA Itaca day 10 giugno – NAPOLI Itaca day 12 giugno – REGGIO CALABRIA Itaca day 14 giugno – BRINDISI Itaca day 17 giugno – ANCONA Crossing Afternoon 19 giugno – RIMINI Itaca day 20 giugno – VENEZIA Giornata Nazionale AIL 21 giugno Le imbarcazioni di Campione Sailing progettate per traversate oceaniche e protagoniste nelle regate più prestigiose vedranno al timone nomi illustri del mondo velico come Mauro Pelaschier e Oscar Tonoli uniti nella lotta contro le Leucemie i Linfomi e Mieloma. Progetto ITACA vuole essere un evento attraverso il quale attivare percorsi di approfondimento per la riabilitazione onco-ematologica che sempre più si differenzia a seconda della patologia, e che va calibrata e personalizzata sui bisogni effettivi ed affettivi del paziente indirizzando l?intervento ad una riabilitazione in senso globale tesa al miglioramento della qualit? di vita e non solo della funzionalit? d?organo. Gli Ospedali ed i Centri Ematologici coinvolti: Ospedale San Martino di Genova ? U.O. Immunoematologia dell?Az. ASL n? 1. Div. di Ematologia dell?Universit? di Pisa Ospedale S. Chiara di Pisa ? U.O. Oncologia Ospedale di Carrara ? Sezione di Ematologia e di Ematologia Pediatrica del Dipartimento di Biotecnologie Cellulari ed Ematologia Universit? "La Sapienza" Azienda Policlinico Umberto I? ? Divisione di Ematologia dell?Universit? Federico II. Dipartimento di Ematologia Ospedale Cardarelli. ? U.O. Emato-Oncologia Ospedale Umberto I ? Nocera Inferiore Reparto Adulti ? Dipartimento di Ematologia e Oncologia Ospedale Pausilipon ? Dipartimento di Oncoematologia di Reggio Calabria ? CTMO-Azienda Ospedaliera "Bianchi-Melacrino-Morelli" ? Reparto Ematologia Ospedale ?A. Perrino? Brindisi ? Clinica di Ematologia Ospedale di Torrette di Ancona ? Unit? Operativa di Oncologia e Oncoematologia e di Oncoematologia pediatrica Ospedale Infermi di Rimini ? Divisione di Ematologia dell?ASL 12 di Venezia Mestre ? Ospedale Civile Campo SS. Giovanni e Paolo.L?Associazione Italiana contro le Leucemie, i linfomi e il mieloma, ? impegnata da 40 anni nella lotta contro le malattie del sangue operando sul territorio attraverso le 79 sezioni provinciali. Il ruolo fondamentale dell?AIL ? l?attivit? svolta in simbiosi con i principali Centri di ematologia, sia universitari che ospedalieri, a favore dei malati per migliorarne la qualit? della vita ed aiutarli nella lotta che conducono in prima persona contro la malattia. L?importanza dell?Associazione al servizio del mondo ematologico e del malato, deriva dal duplice livello di presenza territoriale: nazionale e locale. Gli obiettivi principali sono quelli di sensibilizzare l?opinione pubblica alla lotta contro le malattie ematologiche, migliorare la qualit? della vita dei malati e dei loro familiari e promuovere e sostenere la Ricerca scientifica.
 A livello nazionale la visibilit? dell?AIL sui principali organi di informazione, il lavoro svolto presso le più prestigiose sedi istituzionali, le iniziative su tutto il territorio, hanno determinato una grande attenzione alla lotta contro tali patologie. A livello locale, la diffusione capillare delle sezioni sul territorio di competenza, lo stretto rapporto instaurato con le strutture ospedaliere e universitarie e con le locali istituzioni hanno reso l?AIL un punto di riferimento insostituibile per i malati ed i loro familiari.
L?iniziativa ?Da Genova a Venezia Sognando Itaca? si inserisce tra le attivit? che l?AIL e le sue Sezioni stanno organizzando in occasione della Giornata Nazionale del 21 giugno 2009, dedicata quest?anno al tema della ?qualit? della vita?. L?obiettivo ? quello di dare voce al paziente ematologico per capire le difficolt? che la convivenza con la patologia comporta e per fornire delle risposte concrete ai suoi bisogni, al fine di garantirne le migliori condizioni di vita possibili. Il Progetto Itaca ? interamente finanziato da Aziende partners e parte dei contributi versati saranno destinati alle Sezioni AIL coinvolte nell?iniziativa (Brescia, Genova, Carrara, Roma, Napoli, Reggio Calabria, Brindisi, Rimini e Venezia), per sostenere i servizi volti al miglioramento della qualit? della vita dei pazienti e delle loro famiglie nei Centri di Ematologia, in Assistenza Domiciliare e nelle Case AIL.
 


Articoli Correlati