Progetto pro Associazione Giulia Musicoterapia al Sant’Anna

Finanziamento della Coop Alleanza 3.0 a favore dei piccoli pazienti
È stato presentato ieri mattina il progetto di “Musica e Musicoterapia” organizzato dall’Associazione Giulia Onlus con la partnership di “Coop Alleanza 3.0”. All’incontro erano presenti il direttore sanitario del Sant’Anna Eugenio Di Ruscio; il capo dipartimento riproduzione e accrescimento del S. Anna Andrea Franchella; la responsabile dell’Oncoematologia Pediatrica del S. Anna Roberta Burnelli; il presidente dell’Associazione Giulia Onlus Michele Grassi; l’assessora alle Attività Produttive del Comune di Ferrara Caterina Ferri; i referenti del progetto Andrea Beghi e Alfredo Raglio; il Direttore dell’Orchestra Gino Neri Giorgio Fabbri; il Vicepresidente di Coop Alleanza 3.0 Mirco Dondi.
Ricorre in questo 2016 il ventennale dell’Associazione di Volontariato Giulia Onlus e per segnare questo passo importante il pensiero è stato quello di affrontare un progetto innovativo e di impatto come la Musicoterapia e la Musica Terapia in Onco Ematologia Pediatrica e in Clinica Pediatrica: la musica come coadiuvante nel percorso di cura dei piccoli pazienti del reparto di Oncologia Pediatrica e dei bambini ricoverati in Clinica Pediatrica dell’Arcispedale Sant’Anna di Ferrara: in collaborazione con la Scuola di Musica “Gino Neri” e con due esperti di Musicoterapia Dottor Alfredo Raglio e Dottor Andrea Beghi.
In questa logica il sostegno economico di 10.000 euro al progetto trova piena corrispondenza con la volontà di Coop Alleanza 3.0 di essere vicina a Ferrara ed al suo territorio e di offrire una risposta ed un aiuto concreto, in particolare a chi vive un percorso cosi difficile. Il progetto di musica terapia proposto da Giulia Onlus mira a coinvolgere i pazienti pediatrici seguiti dall’associazione che accetteranno di aderire al programma, articolato in due fasi: l’approccio terapeutico organizzato in sedute settimanali e la fase esperienziale con l’avvicinamento a uno strumento musicale specifico, il mandolino. La scelta del mandolino è stata fatta perché rispondente a una serie di fattori specifici necessari alla buona riuscita dell’esperienza: lo strumento è di facile apprendimento, ideale per l’esecuzione di musica d’insieme, molto piacevole e facilmente maneggevole.

lanuovaferrara.gelocal.it 12.5.16


Articoli Correlati