Rifiuti, Giornata mondiale contro l’incenerimento. L’appello dei medici dell’ambiente

In occasione della giornata mondiale contro l’incenerimento dei rifiuti indetta per il primo dicembre 2008, la sezione locale dei Medici per l’Ambiente Isde Italia, sottolinea la propria posizione rispetto al tema tanto controverso e ne approfitta per ribadire il suo no alla costruzione del termovalorizzatore in città. Ecco il testo del loro comunicato:In occasione della giornata mondiale contro l’incenerimento dei rifiuti indetta per il primo dicembre 2008, la sez locale dei Medici per l’Ambiente Isde Italia, rispettando il principio presente nel proprio codice deontologico su tematiche ambiente e salute, vuole ricordare ancora una volta come la scelta di costruire un inceneritore da 130.000 tonnellate/anno anche a Parma, scelta che  incider? sulla qualit? dell’ambiente locale e quindi sulla salute di chi lo abita, sia una decisione sbagliata e che va contro la logica della preservazione della materia. Materia che a tutt’oggi, stante la crisi economica mondiale in corso, ha raggiunto per le diverse frazioni merceologiche costi elevatissimi.  Solo un malinteso senso dello sviluppo  economico pu? far ritenere che la politica dei rifiuti debba essere risolta  con l’incenerimento. Esistono dati precisi  in proposito, che dimostrano come in molti paesi  d’Europa e del mondo tale metodica  di trattamento sia in progressivo abbandono. In questi paesi si va in altra direzione sia per motivi economici che per motivi sanitario ambientali. L’Italia,  come al solito, in ritardo su tutto, e con essa Parma intraprendono in modo pericolosamente insistente la via disastrosa dell’incenerimento. La via maestra ? quella di ridurre i rifiuti globalmente intesi, per poi  praticare una raccolta differenziata porta a porta seria e puntuale (non quella del grande cassonetto – di fatto  onnicomprensivo- lasciato ancora per le strade della città) in cui il cittadino sia chiamato ad una precisa  responsabilit? nel  ben separare i rifiuti prodotti. responsabilit? da parte della politica. Arrivare al 90% della raccolta differenziata dei rifiuti non ? utopia così come non lo ? pensare ad una societ? nel 2020 capace di riciclare il 100% dei propri scarti. Al contrario pensare di avere un inceneritore sul cammino dei rifiuti significa doverlo far funzionare per oltre 25 anni, vanificando così implicitamente la raccolta differenziata dato che sono impianti che funzionano se si immettono carta e plastiche.  A noi  medici rimane –  fino in fondo-  la responsabilit? di quantificare l’impatto sanitario prodotto da questa metodica. Lo facciamo oggi, lo faremo se necessario  domani e ogni volta che la nostra coscienza professionale ci dir? che c’? una minaccia incombente nei confronti della salute dei cittadini. E la minaccia ? sicura se solo pensiamo a quanto questi impianti producono in termini di emissioni tossiche. E allora il pensiero va subito ai recentissimi  dati sull’incidenza di cancro nell’ infanzia in Italia pubblicati dall’Associazione Italiana dei Registri Tumori (AIRTUM: I tumori infantili Rapporto 2008). I tassi di incidenza per tutti i tumori nel loro complesso, riferiti agli anni 1998-2002, sono mediamente aumentati del 2% all’anno, passando da 146.9 nuovi casi all’anno (ogni milione di bambini) nel periodo 1988-92 a ben 176 nuovi malati nel periodo 1998-2002. Ci? significa che in media, nell’ultimo quinquennio, in ogni milione di bambini in Italia ci sono stati 30 nuovi casi in più. La crescita ? statisticamente significativa per tutti i gruppi di et? e per entrambi i sessi. In particolare tra i bambini sotto l’anno di et?  l’ incremento ? addirittura del 3.2% annuo. Tali tassi di incidenza in Italia  sono nettamente più elevati di quelli riscontrati in Germania (141 casi 1987-2004), Francia ( 138 casi 1990-98), Svizzera ( 141 casi  1995-2004). Il cambiamento percentuale annuo risulta più alto nel nostro paese che in Europa sia per  tutti i tumori (+2% vs 1.1%), che per la maggior parte delle principali tipologie di tumore; addirittura per i linfomi l’incremento ? del 4.6% annuo vs un incremento in Europa dello 0.9%, per le leucemie dell’ 1.6% vs un + 0.6% e così via. Dove trovare la risposta per spiegare questo triste primato dell’Italia? Vogliamo allora ricordare le seguenti parole lasciate dal professor  Lorenzo Tomatis ,  oncologo  e ricercatore di fama mondiale,  scomparso a 78 anni e unanimemente riconosciuto come colui che ha posto le basi scientifiche e metodologiche  della cancerogenesi: "la deliberata spietatezza con la quale la popolazione operaia ? stata usata per aumentare la produzione di beni di consumo e dei profitti che ne derivano si ? ora estesa su tutta la popolazione del pianeta, coinvolgendone la componente più fragile che sono i bambini, sia con l’ esposizione diretta alla pletora di cancerogeni, mutageni e sostanze tossiche presenti nell’ acqua, aria, suolo, cibo, sia con le conseguenze della sistematica e accanita distruzione del nostro habitat". Vogliamo pertanto ritornare sul richiamo alla attenzione, prudenza e precauzione per tutti coloro che hanno precise responsabilit? nelle scelte per una corretta gestione dei rifiuti e richiedere una revisione delle scelte fatte fin ora.  Non vogliamo un futuro  nel quale qualcuno  possa dire " se  i  medici  sapevano perché hanno taciuto?".


Articoli Correlati