Sanita?: Puglia, PET-TAC fissa a S. Giovanni Rotondo

SAN GIOVANNI ROTONDO (FG) – Da domani sara’ in funzione nell’ospedale Casa sollievo della sofferenza a San Giovanni Rotondo (Foggia) la prima ‘Pet Tac’ fissa in Puglia. Se ne da’ notizia in una nota dell’Opera padre Pio nella quale e’ detto che l’apparecchiatura ”e’ stata autorizzata lo scorso 8 luglio dalla giunta regionale che, seppure in via provvisoria e quindi con il solo rimborso del radiofarmaco e le altre spese a carico di Casa sollievo, ha dato il via libera all’impiego ‘sperimentale”’.
”L’acquisto della Pet – prosegue il comunicato – e’ avvenuto attraverso la beneficenza dei numerosi fedeli di Padre Pio, rientra nel progetto ‘Due gocce di speranza’, nato nell’ambito del 50esimo anniversario della Casa sollievo della sofferenza ed e’ un importante punto di arrivo per l’ospedale di San Giovanni Rotondo che si conferma, ancora una volta, punto di riferimento professionale e tecnologicamente avanzato per i malati di oncologia”.
Un’altra Pet, viene ricordato, e’ in funzione in Puglia. Si tratta di quella mobile al Policlinico di Bari, ”mentre si e’ ancora in attesa di un piano regionale che, dopo aver identificato tutti i centri di riferimento, possa approvare la tariffa con la quale remunerare la prestazione”. ”Ad un iniziale incremento, inevitabile, della spesa a carico del servizio sanitario regionale – continua la nota – rinveniente dall’installazione di un certo numero di Pet sul territorio, corrisponderebbe pero’ un risparmio in termini di mobilita’ passiva extra regionale.
E’ accertato, infatti, che i cittadini pugliesi sono costretti a recarsi in altre regioni per l’esame Pet e questo, con innegabili difficolta’ e disagi anche in termini economici”.
”La Pet (tomografia ad emissione di positroni) – conclude Opera padre Pio – e’ oggi lo strumento piu’ importante e innovativo nella diagnostica per immagini del cancro. Si tratta infatti di una camera che rileva con alta risoluzione le funzioni biologiche del corpo umano, e mostra, spesso con disarmante evidenza, i siti di accumulo delle cellule tumorali”.


Articoli Correlati