Sanita?: risultati incoraggianti da farmaco per cura del melanoma

SIENA – Si chiama Timosina alfa 1 il farmaco sperimentato con risultati molto promettenti al policlinico universitario delle Scotte di Siena per curare il melanoma in stadio avanzato. Da uno studio clinico condotto in 64 ospedali europei, tra cui il policlinico senese, e’ emerso il ruolo positivo del nuovo farmaco, nel trattamento del melanoma all’ultimo stadio quando le prospettive del paziente sono sui nove mesi di vita.
"Il farmaco in questione e’ un immunoterapico – spiega il dottor Michele Maio, direttore dell’Unita’ operativa di Immunoterapia Oncologica in cui si e’ svolta la sperimentazione – stimola cioe’ il sistema immunitario a reagire contro la crescita tumorale, con risultati molto incoraggianti". Nella fase attuale della sperimentazione i ricercatori mirano a stabilire i migliori dosaggi e modalita’ di somministrazione. "Oltre ad aver stabilito che il farmaco e’ ben tollerato a tutti i livelli di dosaggio, senza effetti collaterali – continua Maio ? la sperimentazione ha mostrato un aumento dei mesi di vita nei pazienti colpiti da questo tumore della pelle e, in alcuni casi, addirittura una regressione della malattia".
Tra i venti pazienti delle Scotte sottoposti alla sperimentazione, infatti, ci sono stati casi in cui le metastasi si sono ridotte per numero e dimensioni, fino a scomparire del tutto in tre persone. "Anche se questi pazienti non si possono definire guariti – conclude Maio – il loro melanoma e’ in remissione completa a due anni dal termine delle terapie".
Visti i risultati ottenuti e’ quasi certo che la sperimentazione entrera’ nella cosiddetta fase 3, in cui l’efficacia del farmaco verra’ valutata a livello internazionale su un numero molto ampio di pazienti. Secondo di Maio il melanoma cutaneo e’ diagnosticabile gia’ nella fase iniziale di malattia " quindi e’ di fondamentale importanza sottoporsi a visite dermatologiche di controllo per un’efficace diagnosi precoce.
Il suo tempestivo trattamento puo’ consentire infatti una completa guarigione".


Articoli Correlati