Scrivere per e con i pazienti al Cro: la Biblioteca Scientifica, l’Area Giovani e la Radioterapia Pediatrica

Giovedì 15 settembre a Pordenone saranno presentati quattro titoli scritti con e per i pazienti del Centro di Aviano
Scrivere per e con i pazienti al Cro: la Biblioteca Scientifica, l’Area Giovani e la Radioterapia Pediatrica del Centro di Riferimento Oncologico CRO, l’ Avis del Friuli Venezia Giulia e l’Istituto d’Arte di Cordenons presentano a pordenonelegge.it 2011 quattro pubblicazioni. Protagonisti i pazienti del CRO, ma anche i bambini e giovani che talvolta si ammalano, ma non per questo rinunciano a vivere e a creare.
I titoli:
“Continueranno a fiorire le stagioni”,
“Colora la tua linfa”,
“Diabolik – Zero Negativo. Un colpo speciale”
“Radio Trolla”.
Sulla scia di quella che è ormai diventata una tradizione narrativa al Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, nasce il libro dal titolo “Continueranno a fiorire le stagioni”, frutto della collaborazione tra i pazienti e gli operatori del Centro, la Biblioteca del CRO e gli studenti dell’Istituto d’Arte-Liceo Artistico “Enrico Galvani” di Cordenons (ISAC). Le centinaia di testimonianze di tante persone in cura tra il 2006 e il 2011 trovano in quest’opera un completamento nell’espressione visiva dei lavori che i giovani studenti hanno realizzato, ispirandosi non solo ai testi, ma anche alle sensazioni derivate dalla lettura di quanti, ogni giorno, per motivi diversi, entrano in contatto con l’ospedale.
Nel libro, sofferenza, voglia di riscatto, rabbia, fede, speranza si succedono in un tempo sempre uguale e diverso, come in un alternarsi di stagioni. Sentimenti che anche le tavole figurate rispecchiano, attraverso un dialogo nel quale entrano in gioco persone in cura e persone che curano, insieme alle emozioni dei ragazzi di scuola. Tutti uniti dalla comune riflessione sulla malattia, sul dolore e sul valore che, in circostanze come queste, la vita assume.
“Colora la tua linfa” è un libro pieno di colore, destinato ai giovani in cura al CRO di Aviano e che vuole essere la carta dei servizi dedicata a questi pazienti tanto unici quanto speciali. Illustra l’attività assistenziale dell’Area Giovani, gli spazi e l’organizzazione del personale. Fornisce inoltre alcune informazioni sugli esami diagnostici, sulle terapie e sui possibili effetti collaterali, sulle associazioni di volontariato e sulla struttura dell’Area Giovani. I testi sono di Maurizio Mascarin, Caterina Elia, Daniela Capone, Tony R Cirillo e Ivana Truccolo. Le illustrazioni e la parte grafica sono state realizzate con cura e delicatezza da Anna Godeassi e da Maurizio Garofolo. Il filo conduttore sono le piante con il loro continuo divenire, come lo è stessa adolescenza. La brochure cerca di mantenere dei toni morbidi e di speranza lungo tutta la presentazione del progetto, volendo però essere contemporaneamente esaustiva. Anna Godeassi pordenonese di nascita ma da tempo trasferita a Milano, dove svolge la sua attività professionale, ha voluto prestare la sua esperienza e la sua arte realizzando un prodotto in linea con ragazzi ed a loro dedicato.
“Diabolik Zero Negativo. Un colpo speciale” vuole essere il veicolo per la campagna promozionale 2011 AVIS-CRO per la donazione del sangue. In particolare si rivolge ai giovani, fascia tra i quali le donazioni cominciano ad essere meno frequenti. Lo scopo dell’iniziativa è principalmente quello di stimolare i giovani alla donazione di sangue, attraverso un messaggio che parte dai giovani ricoverati al CRO di Aviano. Il protagonista del lavoro è Diabolik, personaggio noto dei fumetti. Ben presto si rende conto che non serve essere degli eroi per donare il sangue. I fumetti, su concessione dello scrittore-ideatore Gomboli e dalla casa editrice Astorina di Milano, sono stati realizzati da Emanuele Barison, la parte grafica da Federica Tomietto, le fotografie da Attilio Rossetti ed i testi da Caterina Elia. Il progetto è il frutto della collaborazione tra AVIS Friuli Venezia Giulia, Area Giovani e Biblioteca Scientifica del CRO.
“Radio Trolla” è una favola costruita all’interno di un ospedale e specificatamente all’interno della Radioterapia del CRO di Aviano. Narra in forma fantastica e con l’ausilio delle bellissime tavole preparate dalle illustratrici Caterina Santambrogio ed Arianna Elia, il percorso che un bambino con tumore deve fare in radioterapia. I testi sono di Federica Fedrigo ed Irene Bassi, la prima infermiera e la seconda tecnico di radioterapia presso il CRO. Il team dell’oncologia radioterapica e della radioterapia pediatrica ha voluto dedicare questo libro ai bambini che frequentano ogni giorno il reparto. Essi arrivano in ospedale per curarsi, per sottoporsi a delle terapie eseguite attraverso le grandi e sofisticate macchine per la radioterapia. Bambini che davanti a sé dovrebbero avere solo una vita tutta da scoprire mentre sono costretti ad intraprendere dei percorsi così lontani dalla loro semplice e spontanea quotidianità. Sono catapultati in un mondo che non li appartiene, distante dalla loro realtà, con problemi che non vorremmo affrontare neppure noi adulti. Il libro, realizzato con il supporto delle Associazioni GOCNE onlus, Associazione LUCA onlus ed AGMEN onlus, vuole essere uno strumento per aiutare il bambino in questo difficile percorso. E’ pubblicato dalla Casa Editrice Omino Rosso di Pordenone

13 settembre 2011


Articoli Correlati