SOLETERRE Onlus e Peter Pan insieme per il Marocco

Soleterre, Organizzazione Non Governativa impegnata nell?ambito del tumore infantile nei Paesi in via di Sviluppo e operativa dal 2002 in Marocco con interventi socio-sanitari, educativi e attivit? di microcredito, e Peter Pan, Associazione Onlus impegnata in Italia da circa 15 anni nell’accoglienza e nella tutela dei diritti dei bambini onco-ematologici e delle loro famiglie, hanno siglato un accordo per la realizzazione di un programma di cooperazione internazionale per l’oncologia pediatrica.

Gli interventi saranno realizzati in collaborazione con le Associazioni marocchine ”L’Avenir” e ”Noujoum” negli ”Hospital d’Enfants” di Rabat e Casablanca, uniche due unit? specializzate in oncologia pediatrica nel Paese che accolgono i pazienti dell’intero territorio marocchino: Rabat quelli delle regioni settentrionali e Casablanca quelli delle regioni meridionali.

Il programma di Soleterre e Peter Pan si svilupper? per un anno a livello sperimentale con l?intenzione di proseguire nel tempo e prevede la fornitura di medicinali essenziali per la cura del tumore oggi non disponibili in Marocco e l’attivazione di una collaborazione sanitaria tra specialisti italiani e medici marocchini per la formazione e l’aggiornamento specialistico (attraverso scambi formativi, missioni in loco e piattaforme di tele-medicina).

Le attivit? sono gi? partite con l’invio di 500 confezioni di Natulan, farmaco irreperibile in Marocco e che generalmente deve essere acquistato in Francia.
Il Natulan, indicato per il trattamento della malattia di Hodgkin (linfoadenoma multiplo sar? impiegato anche per il trattamento di altri linfomi maligni: linfosarcoma, reticulosarcoma, malattia di Brill-Symmer.
Soletere e Peter Pan garantiranno la fornitura dei due reparti per un anno.

La situazione marocchina richiama la denuncia fatta, alla fine del 2008, dall?Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) di Lione sul rapido aumento dei casi di tumore nel mondo a causa della diffusione dei fattori di rischio nei Paesi in via di Sviluppo.


Articoli Correlati