Lotta al cancro infantile. Convegno Europeo Childhood Cancer International a Roma

Roma, 13 maggio 2017 – L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce cancro “un insieme di malattie che possono colpire qualsiasi parte del corpo”, anche nei bambini e negli adolescenti. Stando ai dati dell’ultimo rapporto dell’agenzia dell’Oms per la ricerca sul cancro, la Iarc, International Agency for Research On Cancer, negli ultimi trent’anni si è riscontrato un aumento dei casi di tumore infantile nel mondo: in dieci anni, dal 2001 al 2010, si è registrato un +13% rispetto agli anni ‘80.

Ogni anno in Italia, rivela AIEOP (Associazione Italiana di Ematologia e Oncoematologia Pediatrica), ci sono 1.380 bambini e 780 adolescenti a cui viene diagnosticata una forma tumorale.

Per continuare nell’attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e delle Istituzioni riguardo le problematiche del malato e dei famigliari, l’importanza dell’assistenza ai genitori nel percorso terapeutico e dare risalto alle attività di cooperazione europea, sono iniziati a Roma, presso l’Hotel Quirinale, i lavori dell’8°Convegno Europeo di Childhood Cancer International, dal titolo “Connecting Europe” cioè costruire, sviluppare consolidare, relazioni tra pazienti, famiglie, associazioni genitori di figli malati di cancro e mondo scientifico.

L’incontro, ospitato dalla Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP) con il patrocinio del Ministero della Salute e del Comune di Roma Capitale, vede la partecipazione, tra gli altri, di Carmen Auste, Presidente di Childhood Cancer International (CCI), la federazione internazionale composta da 181 associazioni di genitori con figli malati di cancro, provenienti da 90 paesi di tutto il mondo, Franca Fagioli, Presidente dell’Associazione Italiana Ematologia e Oncologia Pediatrica (AIEOP), Martin Schrappe, Presidente di European Society for Paediatric Oncology (SIOP Europe).

Nella tre giorni romana, oltre ai rappresentanti dell’oncoematologia pediatrica europea, interverranno esponenti delle più importanti associazioni di genitori europee, per confrontarsi sui progressi ottenuti e su quelli attesi in campo scientifico ma anche per fare il punto sul ruolo attivo svolto dai genitori nell’assistenza socio sanitaria, nel sostegno alla ricerca, nella tutela dei diritti di bambini e adolescenti malati e dei loro famigliari. Tra loro, anche le testimonianze di ragazzi che hanno sconfitto il cancro provenienti da tutta Europa.

Importanti le novità presentate al convegno rivolte ai pazienti oncologici e alle loro famiglie, prima fra tutti i risultati della ricerca “Oncoematologia Pediatrica – L’impegno delle Associazioni in ambito socio-assistenziale e scientifico”, realizzata da Fiagop che ha analizzato nel dettaglio l’impegno delle associazioni e calcolato il loro impatto economico. Stando ai dati esposti da Angelo Ricci, Presidente Fiagop, la spesa complessiva sostenuta nel 2015, dalle associazioni è di circa 9.000.000,00 di euro.

Il Survivorship Passport, documento elettronico, da consegnare al paziente al termine delle cure e a disposizione dei medici, contenente un riassunto del percorso della malattia e delle cure ricevute, è un altro progetto su cui si terranno degli approfondimenti durante i tre giorni del convegno.

insalutenews  13 maggio 2017

“8° Convegno Europeo CCI” Roma 12-14 maggio

Dal 12 al 14 maggio 2017 a Roma si terrà l’8° Convegno Europeo di Childhood Cancer International, dal titolo “Connecting Europe”, per costruire, sviluppare, consolidare le relazioni tra pazienti, famiglie, Associazioni di genitori di figli malati di cancro ed esponenti del mondo scientifico, che si confronteranno non solo sui progressi nell’ambito delle terapie, ma anche sul ruolo svolto dai genitori nell’assistenza socio-sanitaria, nel sostegno alla ricerca, nella tutela dei diritti di bambini e adolescenti malati e dei loro familiari. Tra loro, anche le testimonianze di ragazzi che hanno sconfitto il cancro provenienti da tutta Europa.

L’incontro è ospitato da Fiagop Onlus (Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica) e ha il Patrocinio del Ministero della Salute e del Comune di Roma.

Anche Peter Pan parteciperà al Convegno.

Nel link  il programma completo. http://www.fiagop.it/uploads/pdf/Depliant_CCI_conf.pdf

#LIGHTUPGOLD – CAMPAGNA INTERNAZIONALE DI SENSIBILIZZAZIONE SUL CANCRO INFANTILE E DELL’ADOLESCENTE

Il mese di Settembre di ogni anno CCI www.childhoodcancerinternational.org (comunità internazionale di lotta al cancro infantile) lancia la Campagna #LIGHTUPGOLD con l’invito ad adoperarsi affinché siano illuminati di color oro edifici, monumenti, ponti e ambienti con enormi nastri e luci dorate. L’oro è il colore della forza, del coraggio e della resilienza, l’oro è il colore simbolico scelto per sostenere la lotta al cancro infantile e dell’adolescente. Aiutateci a diffondere la Campagna!
#GOLD4kidswithcancer #GOLD4HOPE #LIGHTUP4KIDSWITHCANCER #LIGHTUP4HOPE

Giornata mondiale contro il cancro infantile. In Italia ogni anno colpiti 1.380 bambini e 789 adolescenti

Il trend è in calo tra i bambini (-1%) ma in aumento (+2%) tra gli adolescenti. Meno del 10% dei pazienti pediatrici con recidiva multipla ha accesso ai nuovi farmaci antitumorali. Per aumentare la consapevolezza e l’informazione sul cancro si celebra il 15 febbraio la giornata mondiale contro il cancro infantile
12 FEB – Sono stati compiuti tanti i passi in avanti dagli anni 90’: l’incidenza dei tumori infantili che fino a quegli anni aveva registrare un trend in aumento si è, infatti, arrestata, ma non si è fermata. Se nell’ultimo decennio l’andamento dell’incidenza di tutti i tumori maligni nei bambini (età 0-14 anni) è stazionario, al contrario negli adolescenti (età 15-19 anni), anche se lievemente, è aumentata in media del 2% l’anno. Un aumento che ha colpito soprattutto nelle femmine (+2%), per lo più linfomi di Hodgkin, mentre in entrambi i sessi si registra un aumento dei tumori della tiroide (+8%).
In numeri, ogni anno in Italia circa 1.380 bambini e 780 adolescenti si ammalano di tumore, pari a 164 casi per milione di bambini e 269 casi per milione di adolescenti (fonte: Airtum, Rapporto 2012). Tassi d’incidenza ancora relativamente elevati, se paragonati a quelli registrati negli Stati Uniti e nei paesi dell’Europa settentrionale.
Ma grazie alla ricerca biologica e clinica e all’uso di protocolli cooperativi nazionali ed internazionali sempre più efficaci, la probabilità di guarigione in oncoematologia pediatrica che negli anni ‘70 era inferiore al 40% supera attualmente l’80%. Purtroppo, come sottolinea l’Associazione italiana ematologia oncologica pediatrica (Aeiop) (vedi dati), mentre in alcune patologie “la sopravvivenza supera il 90% dei casi, in altre i risultati sono molto inferiori: su queste occorre intensificare l’impegno e la ricerca scientifica”. Anche perché attualmente “meno del 10% dei pazienti pediatrici con recidiva multipla di malattia ha accesso a nuovi farmaci antitumorali: i regolamenti limitano lo sviluppo a tutto campo delle nuove molecole; ci sono ritardi nella ricerca clinica nei bambini che in genere segue quella degli adulti; sono pochi i finanziamenti delle case farmaceutiche” . E per favorire lo sviluppo di nuovi farmaci in ambito pediatrico, secondo l’Associazione, bisognerebbe: “risolvere problematiche ancora esistenti in ambito regolatorio; progettare studi innovativi, investire nella ricerca preclinica e creare nuovi modelli di cooperai zone scientifica ed economica”.
Puntare i riflettori sul cancro infantile è quindi fondamentale e la XIV Giornata mondiale contro il cancro infantile (International Childhood Cancer Day, Iccd) che si celebra il 15 febbraio, diventa un’ulteriore e importante occasione per riaffermare l’impegno dei genitori italiani nella lotta contro i tumori infantili, nello sviluppo della cultura della prevenzione e della tutela dei diritti del bambino e dell’adolescente colpito da questa malattia.
Una giornata ideata da Childhood Cancer International – Cci, rete mondiale di 181 associazioni locali e nazionali, guidate da genitori, provenienti da 90 paesi e 5 continenti voluta proprio per aumentare la consapevolezza e l’informazione sul cancro nell’infanzia e per esprimere sostegno ai bambini e gli adolescenti colpiti da patologie così gravi e alle loro famiglie.
Per questo sono molte le iniziative che verranno portate avanti sul territorio nazionale. A dare il “la” già il 12 febbraio il convengo “Guarire Tutti! La ricerca nella battaglia contro il cancro del bambino e dell’adolescente che si è svolto a Palermo in occasione della XIV Giornata della Federazione italiana associazioni genitori oncoematologia pediatrica (Fiagop), con l’Associazione italiana ematologia oncologia pediatrica (Aieop) e l’Associazione siciliana contro le leucemie e i tumori dell’infanzia (Aslti) e che ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Salute, dell’Università, della Regione Sicilia, dell’Ospedale Arnas Civico Di Cristina Benfratelli e il supporto di Fondazione Umberto Veronesi.
Ma la giornata clou sarà proprio il 15 febbraio con un’attività simbolica realizzata grazie al coinvolgimento di ogni associazione territoriale appartenente alla Fiagop: alle ore 11 in numerose città migliaia di palloncini verranno fatti volare contemporaneamente da ospedali, scuole e piazze italiane per simboleggiare l’unione e il lancio della speranza verso l’alto. Tra le città coinvolte: Bari, Bellizzi (Sa), Bologna, Cagliari, Catania, Cologno Monzese, Cosenza, Genova, Lecce, Meda (Mb), Modena, Monza, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Pescara, Pisa, Rimini, Riano (Rm) Rieti, Roma, S. Agata di Militello (Me), Udine, Varese, Verona.
Si prosegue poi il 20 febbraio: almeno 1.000 persone tra bambini e ragazzi malati di tumori e leucemie, accompagnati dalle loro famiglie e da volontari, saranno ricevuti in udienza da Papa Francesco.

quotidianosanita.it 12.02.2016