Tumori: e’ tabu’ tra giovani, per 7 su 10 nessuna informazione

Otto calciatori come testimonial su prevenzione, non fare autogol
Il cancro si previene da giovani ma nessuno spiega ai ragazzi come fare: il 71% non ha mai ricevuto informazioni in proposito, solo il 17% ne ha parlato in famiglia, appena il 12% a scuola. Le conseguenze sono una forte ignoranza sui fattori di rischio, da fumo e alcol (un terzo non crede abbiano legami con i tumori) fino alla sedentarietà (il 43% la sottovaluta).
Per sopperire a questa ignoranza i medici dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) hanno lanciato nel 2011 il progetto ”Non fare autogol”: un tour per l’Italia, in compagnia dei calciatori della serie A, per insegnare agli studenti come proteggersi. Il segreto del successo del progetto e’ il coinvolgimento degli idoli sportivi come testimonial: Pato, Gilardino, Miccoli, De Sanctis, Legrottaglie, Palombo, Chiellini e Perrotta.
Campioni che si sono messi in gioco per spiegare come difendersi dai 7 ”autogol” più pericolosi: fumo, alcol, dieta scorretta, sedentarietà, sesso non protetto, droga e doping. In una decina di tappe hanno incontrato circa 2.000 alunni e decine di migliaia di giovani hanno seguito la campagna su internet (www.nonfareautogol.it). I risultati, presentati oggi al Congresso nazionale in corso a Bologna, danno ragione agli oncologi: ”Il 94% dei ragazzi ha apprezzato il nostro intervento, di questi la metà si augura possa diventare un appuntamento fisso in classe”, commenta il presidente AIOM, prof. Carmelo Iacono.
L’iniziativa resa possibile da un sostegno dell’azienda Boehringer-Ingelheim, ha ottenuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del CONI, della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e della Federazione Medico Sportiva Italiana.

Fonte: ansa.it – 07 novembre