Donazione per il progetto Area giovani Cro di Aviano

Dal complesso bandistico ducale e dalla Popolare di Cividale arriva un contributo per finanziare il progetto

“Ogni anno si ammalano di tumore in Italia circa 800 adolescenti (15-19 anni) e 1100 giovani adulti (20-24 anni). In Friuli Venezia Giulia (FVG) ci possiamo aspettare circa 35 nuovi casi anno di neoplasie maligne (leucemie/linfomi,  tumori solidi, tumori della pelle) in questa fascia di età”. Il dottor Maurizio Mascarin del CRO di Aviano ha fatto presente questa gravosa realtà sanitaria in occasione della consegna di un contributo finanziario frutto del generoso impegno congiunto del Corpo bandistico città di Cividale e della Banca Popolare di Cividale a favore del progetto ‘Area Giovani’ avviato dal centro di ricerca oncologica avianese che ha compiuto 10 anni. Il finanziamento è frutto dell’intervento diretto dell’istituto di credito e del ricavato del concerto che la banda cittadina ha tenuto nel palazzetto dello sport di Cividale gremito per l’occasione. Il tutto con il patrocinio del Comune di Cividale del Friuli. La cerimonia di consegna della donazione è avvenuta presso la sede centrale della Popolare alla presenza del vicepresidente Andrea Stedile, del presidente del Complesso bandistico Ariedo Bront e di Regina Sevidio che ha coordinato l’intera iniziativa benefica (nella foto allegata il momento della consegna del contributo, da sx: Regina Servidio, Ariedo Bront, Maurizio Mascarin e Andrea Stedile).

Il  progetto del CRO di Aviano prende spunto da quanto è avvenuto in Gran Bretagna dove, per una più puntuale cura degli adolescenti e/o dei giovani adulti, sono state costituite, già a partire dalla fine degli anni 90, delle AYA “Adolescent and Young Adult Units” per cercare di dare delle risposte più efficaci al problema degli affetti da tumore in questa delicata fascia di età.

Dal 1° gennaio 2007 è in funzione presso il Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano un’attività di ricovero e cura dedicata agli adolescenti e ai giovani adulti affetti da malattia oncologica (14-24 anni), denominata Area Giovani che costituisce il primo esempio in Italia di unità dedicata alla cura dell’adolescente e del giovane adulto con tumore. Essa si pone l’obiettivo di dare un’assistenza globale al giovane ammalato di tumore e alla sua famiglia.  Infatti oltre all’aspetto strettamente terapeutico, non meno importante appare l’impatto psico-sociale e la perturbazione dell’immagine corporea che una neoplasia  può comportare  nell’adolescente o nel giovane. Gli elementi peculiari che caratterizzano questo gruppo di pazienti sono numerosi: il problema del ritardo diagnostico (malattia negata in adolescenza), la peculiarità della comunicazione della diagnosi, i bisogni psicologici e spirituali, gli aspetti comportamentali – alcol, fumo, stupefacenti, la compliance ai trattamenti, i problemi legati a sessualità, scuola, lavoro, il rapporto con i coetanei, la necessità di privacy, di spazi dedicati e di riduzione dell’ospedalizzazione, il problema della preservazione della fertilità. Infine oltre alle modalità comunicative tradizionali devono essere implementate anche quelle specifiche di questa fascia di età: mail, sms, facebook, website, diari.

“Il team che si occupa di quest’area è stato sottoposto ad un processo di formazione continuativa, su base multidisciplinare – ha spiegato il dott. Mascarin che ne è il responsabile –  E’ risultato indispensabile anche il coinvolgimento continuativo delle  associazioni volontariato, l’attivazione della scuola in ospedale e la promozione delle attività presso scuole ed associazioni sportive per la ricerca del supporto tra pari”.

Da parte sua, il vicepresidente della Banca Popolare, Andrea Stedile, ha espresso il plauso per l’opera svolta dai sanitari del CRO precisando che è stato un onore per l’istituto di credito friulano e per lo stesso complesso bandistico cividalese aver reso possibile una iniziativa benefica a favore di questo importante progetto sanitario.

ilfriuli.it  31.1.17