La lotta ai tumori si vince a scuola

San Benedetto del Tronto | Presentato in Sala Consiliare Il progetto che il Lions Club italiano si era ripromesso per l’anno 2014 di portare nelle scuole e cioè di parlare della prevenzione del tumore ai ragazzi attraverso degli incontri presso tutti gli istituti scolastici.

di Sabrina Cava

Il motto è LA LOTTA CONTRO I TUMORI SI VINCE CON LA CULTURA.

La denominazione del progetto trae origine dal ricordo di una giovane studentessa di nome “Martina”, colpita da un tumore alla mammella che ha lasciato come testamento spirituale un desiderio, quello che i giovani venissero accuratamente informati ed educati ad avere cura della propria salute, perchè alcune malattie seppur rare nei giovani, proprio in essi hanno conseguenze molto pesanti.

Per la verità è un intervento già attivo da almeno 10 anni in alcuni distretti italiani, ma ora i Club Lions Host e Truentum, capitanati rispettivamente da due donne, la Presidente Maria Pia Silla e la Presidente Lilly Gabrielli hanno aderito all’iniziativa e sono pronte a dare il via al progetto.

L’importanza di parlare ai giovani, è stato ben spiegato dalla professoressa Silla, “l’adolescenza è fase dell’età in cui un giovane forse non ama il proprio corpo, se ne disinteressa ma è mosso dalla curiosità. Proprio facendo leva sulla sua curiosità vogliamo portarlo alla conoscenza delle forme di prevenzione”.

“L’esigenza di parlare ai giovani di prevenzione e di farlo con parole semplici” ci racconta il Prof. Carlo D’Angelo, coordinatore del Progetto Martina nel distretto 108° “ è fortemente sentita dai Club Lions che si propongono come organizzazione di volontariato con un compito e una missione di sussidiarietà alle istituzioni”.

“Un ringraziamento a quanti hanno collaborato e si sono spesi per il progetto fortemente voluto e appoggiato anche dall’Amministrazione Comunale” queste le parole dell’assessore Margherita Sorge presente alla conferenza oltre che nel suo ruolo istituzionale anche come medico collaboratore. Molti infatti i medici professionisti che hanno aderito all’iniziativa e si recheranno negli istituti scolastici, coinvolte 42 classi con oltre 1000 ragazzi, per tenere conferenze e lezioni sui vari argomenti.

Si partirà con l’incontro dei ragazzi dell’Istituto Alberghiero e non a caso. La prevenzione oncologica parte anche dallo stile di vita che si conduce e in primis dall’alimentazione, che deve essere sana e mai eccessiva.

Questo è un progetto completamente gratuito che trova la propria realizzazione nella collaborazione umana, sensibile e fattiva di medici ed esperti, faranno dunque parte del progetto i dottori: Laura Carpentieri, , Vita Laterza, Nietta Lupi, Domenico Mozzoni, , Giorgio Tordini, Giancarlo Vesperini e Palma del Zompo, Lina Lai, Margherita Sorge..

Saranno incontri di 2 ore circa in ogni istituto cittadino, e del circondario, anche gli istituti di Cupra Marittima, Grottammare e Ripatransone hanno aderito e i ragazzi potranno fare domande e ricevere risposte, anche accedendo ad un portale, www.progettomartina.it dedicato nel totale rispetto della privacy.

Alla conferenza stampa è seguito un aperitivo pranzo di altissima qualità, ci tengo a sottolineare questo aspetto perché l’Istituto alberghiero è una splendida realtà, un fiore all’occhiello della nostra istituzione scolastica.

La prevenzione dei tumori arriva in classe

Un’iniziativa di ASVALT Associazione Valdinievole per la Lotta contro i Tumori

AGIPRESS – FIRENZE – Una serie di lezioni della sulla prevenzione oncologica ed educazione sanitaria dal titolo “Prevenzione e stili di vita”. Protagonista è As.Va.L.T., ”Associazione Valdinievole per la Lotta contro i Tumori” con sede a Pescia, in attività fin dal 1987 , presieduta da Arnaldo Pieri, da oggi mercoledì 15 gennaio nelle scuole superiori della ValdiNievole (Montecatini Terme e Pescia – Provincia di Pistoia).

“Questa iniziativa – dice Arnaldo Pieri – terminerà a marzo ed interesserà cinque Istituti superiori: il Liceo Scientifico di Montecatini (due lezioni), l’Istituto Agrario, per Ragionieri e Magistrale di Pescia, e Istituto tecnico per Ragionieri “Forti” di Monsummano Terme, con il patrocino dell’Asl e della Società della Salute Val di Nievole. In ogni lezione si parlerà di senologia, citologia, colon retto, cure palliative, dipendenze e nutrizione e al termine di ogni incontro gli studenti rivolgeranno domande ai docenti”.

STAFF – Le lezioni saranno tenuti dal Dott. Mauro Rossi – Referente screening mammografico per la Valdinievole, Dr. Alessandro Natali Direttore Gastroenterologia Azienda USL 3 e Responsabile Clinico Organizzativo del Progetto Screening Cancro Colon Retto, Dott.ssa Paola Marini – Responsabile Clinico per lo screening cervico carcinoma, Dott. Alberto Bologna – Medico referente del servizio Cure Palliative a domicilio per la Valdinievole, Dott. Fabrizio Fagni – Psicologo – responsabile del SERT e Unità Operativa Psicologia stessa Azienda Sanitaria, Dott. Claudio Bartolioni Direttore Società della Salute, Maria Luisa Niccolai, ostetrica, Dott.ssa Sonia Sardi. Ginecologa. Alda Isola ed Elena Tommasetto nutrizionista, Giuseppe Cristiano, collaboratore medico radiologo screening mammografico. Collaborano anche il Dottor Silvano Morini Direttore Oncologia Medica e Dipartimento Oncologico Aziendale e Dott. Leonardo Moreschi Direttore Radiologia Ospedale di Pescia.

L’ASSOCIAZIONE – Come è noto l’Associazione in tutti questi anni ha donato strumentario all’ospedale di Pescia del valore di 4 milioni di euro ed attualmente gestisce a Montecatini Terme “la CASA DELLA PREVENZIONE che si trova nel meraviglioso parco termale di Montecatini Terme, ultimo “fiore all’occhiello” finanziata sempre dall’ associazione per dare alla prevenzione oncologica strumenti di ultima generazione e precisione in una collocazione adeguata, immersa nel verde, diversa come impatto dalle strutture ospedaliere e quindi più accattivante e tale da poter essere usata anche per altre forme di prevenzione come educazione sanitaria e stili di vita”. (Alberto Ruffini)