Challenge Roma 2018: ASD Team Panda sostiene Peter Pan

Challenge Roma triatlon 2018

 

CHALLENGE ROMA: ASD Team Panda lancia il Peter PanDA a sostegno dei bambini malati di cancro

Da venerdì 13, a domenica 15 aprile al Porto Turistico di Roma va in scena un grande evento internazionale di triathlon, la seconda edizione di Challenge Roma.

Il Challenge Roma e l’ASD Team Panda, in vista della storica prova internazionale di triathlon del circuito Challenge Family hanno deciso di supportare Peter Pan che ospita gratuitamente famiglie con figli malati di cancro per sconfiggere il senso di solitudine che di solito accompagna la malattia attraverso la prova di sport e solidarietà denominata Challenge for Peter PanDa. 

Sabato 14 aprile si terrà una staffetta di tre atleti del Team Panda che avrà come scopo la raccolta fondi finalizzata al supporto delle attività di Peter Pan. 

La Challenge Roma è organizzata dal Forhans Team in collaborazione con l’Agenzia Hdrà. Ha ottenuto il patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del X Municipio, della Federazione Italiana Triathlon e del Comitato Paralimpico.

 Saranno oltre 1000 tra atleti, bambini e appassionati i protagonisti della tre giorni che affronteranno la sfida dell’affascinante sport multidisciplina che si suddivide in nuoto, ciclismo e running. Di questi 500 sono gli iscritti al main event della domenica, il Challenge Roma, prima tappa europea del prestigioso circuito internazionale Challenge Family.  Tra loro 329 italiani e ben 171 stranieri in rappresentanza di 35 nazioni differenti.

 Oltre 270 invece i partecipanti alla gara Sprint, su distanza più breve. Sono 28 gli iscritti alla seconda tappa del campionato italiano di Paratriathlon, anch’esso in programma sabato, con l’illustre presenza del bronzo di Rio 2016 Giovanni Achenza. Moltissimi i bambini delle scuole del X Municipio di Roma e delle scuole triathlon del territorio laziale affiliate al Comitato Regionale Lazio. 

SOSTIENI IL CHALLENGE FOR PETER PanDA CON UNA DONAZIONE SINGOLA

Specificando nella causale della donazione “Challenge for Peter Panda”
dona ora

Per INFO:

Simone Pierini 338.2059404

press@challenge-roma.com

simonepierini83@gmail.com

Domenica 26 novembre: Peter Pan sbarca alla Festa del Libro di Ostia

 

Domenica 26 novembre 2017 Peter Pan è ospite della XXI Festa del Libro e della Lettura di Ostia organizzata dall’Associazione culturale Clemente Riva.

L’appuntamento è nel salone della Parrocchia di Santa Monica, in Piazza di Santa Monica 1. Il nostro amico e volontario Pino Rampolla presenterà alle ore 15:00 il suo ultimo libro fotografico “Una favola: mille storie” che raccoglie cento bellissimi scatti della vita quotidiana nella Grande Casa di Peter Pan.

Alla manifestazione, che inizierà già questo sabato alle ore 10:00 con una vendita di libri usati, verranno raccolti fondi per sostenere le attività di Peter Pan Onlus e Seconda Linea Missionaria.

L’ingresso alla manifestazione è libero e gratuito.

 INDIRIZZO

Vuoi il libro di Pino Rampolla direttamente a casa tua? Clicca sull’immagine!

Anche l’associazione Minerva Pelti con Fare Verde per pulire le spiagge italiane

a cura di Gianluca Teobaldo

ROMA – L’associazione Minerva PELTI (Prevenzione E Lotta ai Tumori Infantili) Onlus, aderisce al “Mare d’Inverno”, manifestazione nazionale dell’Associazione ambientalista Fare Verde che si svolgerà domenica 26 gennaio su numerose spiagge italiane.

Ma perché una associazione di genitori di bambini malati di tumore si interessa del mare?

L’Associazione Minerva PELTI si occupa principalmente della Prevenzione Primaria dei tumori infantili e dagli studi condotti sino ad ora ha rilevato come tra le molteplici fonti di rischio alle quali sono esposti i bambini, potrebbe giocare un ruolo nell’insorgenza della malattia oncologica anche la qualità delle acque marine. In particolare, analizzando negli ultimi 3 anni un cluster di leucemie infantili verificatosi nel quartiere del litorale romano di Ostia, tra i vari elementi di rischio ipotizzati, è stato considerato anche il mare antistante ad Ostia.

Questo perché le acque che bagnano il Lido di Ostia, ricevono, proprio in prossimità delle estremità dell’abitato, due importanti corpi idrici: il Fiume Tevere a nord e il Canale dei Pescatori a sud. Il massiccio carico di inquinanti trasportato dalle acque si riversa così in mare e gli stessi veleni vengono “risputati in faccia” agli ignari cittadini e bambini di Ostia, sotto forma di aerosol marino. Senza escludere poi che le infiltrazioni mafiose che da anni monopolizzano le attività criminali del litorale romano, possano aver usato questi canali per sversarvi sostanze tossiche, dubbio sorto a seguito di analisi condotte negli anni scorsi proprio sulla sabbia dragata alla foce del Canale dei Pescatori e che hanno rilevato la presenza massiccia di metalli pesanti ed altre sostanze nocive.

Sempre in tema di acque che finiscono in mare, si pensi che nello studio pubblicato dall’ISPRA nel 2013 “Rapporto nazionale pesticidi nelle acque” (1) si cita tra l’altro : “Nel 2010, le indagini hanno riguardato 3.621 punti di campionamento e 12.504 campioni, sono state cercate 355 sostanze. Nelle acque superficiali sono stati trovati residui di pesticidi nel 55,1% dei punti, nel 34,4% dei casi con concentrazioni superiori ai limiti delle acque potabili.

Ed ancora : “La valutazione di rischio, nello schema tradizionale considera gli effetti delle singole sostanze, e non tiene conto dei possibili effetti delle miscele che vengono trovate nell’ambiente. Per questo c’è la consapevolezza che il rischio associato alle sostanze chimiche sia attualmente sottostimato.”

E’ ormai purtroppo attestato da una letteratura scientifica sempre più corposa, come i pesticidi rappresentino un rischio importante per la salute umana, in particolare per gli organismi in via di sviluppo e per l’infanzia anche a dosi minimali, agendo come perturbatori del sistema endocrino, causando danni neuropsichici, effetti oncogeni, teratogeni e altro ancora;

Diventa quindi fondamentale proteggere il mare, non solo per la gioia dei bagnanti estivi, ma per il ruolo determinante che svolge nel complesso sistema ambientale, che determina tra l’altro lo stato di salute nostro e dei nostri bambini e ragazzi.

Per i dettagli delle spiagge e dei luoghi dove si svolgeranno le manifestazioni del Mare d’Inverno visita www.fareverde.it.