Ibm e medici a caccia di pc da arruolare per la ricerca sui tumori infantili

Gli scienziati cercano farmaci per combattere diversi tipi di cancro comuni nei bambini. E per farlo ora possono sfruttare un progetto del colosso informatico che mette in rete computer e smartphone da tutto il mondo, ottenendo una potenza di calcolo mai vista

Trovare potenziali trattamenti per i tumori infantili, sfruttando la potenza di calcolo dei pc di donatori volontari. Gli scienziati cercano sostanze chimiche candidate a diventare farmaci, in grado di influire sulle molecole e sulle proteine chiave che controllano le cellule tumorali in diversi tipi di cancro comuni nei bambini. Trovare candidati farmaci è tuttavia un processo lento e oneroso.

Per accelerarlo, Ibm fornisce agli scienziati accesso gratuito al World Community Grid, un programma finanziato e gestito da Ibm che promuove la ricerca scientifica sfruttando la potenza di calcolo donata da volontari in tutto il mondo. Il progetto è stato annunciato negli Stati Uniti, in occasione di una conferenza stampa condotta dal Governatore del Connecticut Dannel Malloy, da Ibm e da Ching Lau del Connecticut Children’s Medical Center, che guida questa iniziativa di ricerca in crowdsourcing negli Stati Uniti.

I volontari non forniscono tempo, denaro o competenza tecnica per contribuire a questo impegno di ricerca, chiamato Smash Childhood Cancer. Partecipano invece al World Community Grid, scaricando e installando un’app sicura e gratuita sul proprio computer o dispositivo Android. Quando sono inattivi, i dispositivi dei volontari eseguono automaticamente esperimenti virtuali per conto dell’équipe di ricerca. I risultati vengono ritrasmessi ai ricercatori, che provvedono ad analizzarli.

lastampa.it 11.2.17