11 storie per sostenere ricerca su cancro

Merli bianchi e tartarughe veloci. Bambini tristi e principi svogliati. Sono alcuni dei protagonisti delle storie inedite - racchiuse nel volume 'Un sacchetto
profumato... e altre storie' - che sono state donate da 11 autori all'Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc). Obiettivo: sostenere la ricerca.
 La ricchezza di questa raccolta e' costituita proprio dalla diversità degli stili e dei temi trattati e dall'apporto personale degli autori: Piero Angela, 
Silvia Ballestra, Caterina Bonvicini, Isabella Bossi Fedrigotti, Gianrico Carofiglio, Benedetta Cibrario, Philippe Daverio, Dacia Maraini, Chiara Rapaccini, 
Cesare Rimini e Silvia Vegetti Finzi. Ciascuno di loro, con le proprie storie inventate o fortemente radicate nella propria infanzia, ha fatto
propria la causa comune della battaglia contro il cancro. I protagonisti di queste storie contemporanee si dibattono tra il bene e il male, la verità e 
la menzogna, l'uguale e il diverso con leggerezza e delicatezza. Per un momento sogneremo di essere in Africa e salvare un leoncino, oppure 
nella città di cristallo dove il bene fatto viene ricompensato. 
     "Leggendo queste storie d'autore scritte per bambini - scrive Clio Napolitano nella prefazione al volume - mi sono posta la domanda
di come le avrei raccontate ai miei nipoti quando erano piccoli". A sottolineare il suo ruolo di nonna, oltre che di ricercatrice, anche
Maria Ines Colnaghi, direttore scientifico di Airc, che spiega come "sia importante che i bambini inizino da subito a conoscere il valore
della ricerca attraverso la lettura di questo libro". Colnaghi ricorda quanto "l'Airc sia impegnata nella battaglia contro i tumori che
colpiscono i più giovani. Questo e' un libro per i bambini che lo leggeranno e per quelli che saranno curati grazie alla ricerca".
A ricordare che "la leucemia infantile e' il tumore piu' diffuso in eta' pediatrica" e' Robin Foa', responsabile del dipartimento di Ematologia 
dell'universita' 'Sapienza' di Roma, che sottolinea anche "i grandi passi in avanti fatti negli ultimi anni grazie alla ricerca. Passi importanti 
nella cura dei pazienti con leucemie acute e croniche, come le linfoblastiche acute del bambino, dove oggi nel mondo occidentale si cura 
oltre l'80% dei casi".
     La distribuzione dei volumi non avverra' tramite i canali tradizionali, ma attraverso la rete del Lions Club e dei Comitati
regionali Airc, a fronte di un contributo minimo di 10 euro. Per ulteriori informazioni e' possibile chiamare il numero verde 800350350
o consultare il sito internet www.airc.it. Un ringraziamento particolare a tutti i protagonisti dell'iniziativa e' arrivato dal
presidente di Airc, Piero Sierra.