Trapianti: midollo da Giappone, bimbo sta bene

PISA – Sta bene il bambino toscano di 5 anni che ha ricevuto il midollo osseo da un donatore giapponese infuso presso il Santa Chiara nel reparto di oncoematologia pediatrica dell’Aoup, diretto da Claudio Favre. L’operazione di infusione e’ durata circa sette ore. ”Cio’ che speriamo – spiega Favre – e’ che questa infusione sia risolutiva della leucemia infoblastica acuta di cui soffre il bambino”. Il midollo osseo e’ arrivato al Santa Chiara alle 11.30 di ieri, dopo 26 ore di viaggio coordinato dalla Protezione Civile. ”Dopo sei mesi di ricerca spasmodica di un donatore compatibile  – continua Favre – la buona notizia e’ arrivata dalla banca dati dei donatori del Giappone”. Il centro del Santa Chiara dove e’ avvenuta l’infusione, e’ tra i sette istituti a livello internazionale che puo’ ricevere donazioni da ogni parte del mondo. ”Una volta ricevuto il
midollo osseo – conclude Favre – come accade in casi di donazioni provenienti da paesi esteri, abbiamo sottoposto il midollo a specifiche verifiche di compatibilita’ seguite da trattamenti infettivologici e virologici”.


Articoli Correlati