Tumori: lo scienziato Antonio Giordano: a Milano e Lombardia 93[%] fondi per la ricerca, il resto d?Italia rimane ?a secco?.

ROMA – Pochi fondi, e male amministrati, stanno minando la ricerca scientifica italiana sui tumori. ?Da alcune indagini che abbiamo portato avanti ? emerso che il denaro pubblico viene assegnato per il 93[%] a istituti oncologici che sorgono a Milano, o in Lombardia. Il restante 7[%], cio? ?spiccioli?, viene diviso fra le altre strutture?. A denunciarlo ? Antonio Giordano, direttore dello ?Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine? di Philadelphia (Usa) e responsabile scientifico della Human Health Foundation (Hhf), onlus sostenuta dalla Banca popolare di Spoleto e che ha fra i suoi obiettivi quello di restituire eccellenza alla ricerca italiana, anche facendo rientrare nel nostro Paese le ?menti? che sono emigrate all?estero.Con questa distribuzione dei fondi, ?si d? luogo – sottolinea – al noto fenomeno della ?migrazione sanitaria?: dal Sud, per essere curate nel migliore dei modi, le persone sono costrette a fare centinaia di chilometri e spostarsi al settentrione?. ?Penso che in Italia – ha continuato Giordano, che ? intervenuto oggi a Roma all?incontro ?La civilt? dell?olio di oliva, dalla terra alla tavola – sia necessaria una profonda bonifica del ?sistema sanit??. Io sogno ancora che questo possa essere fatto e spero che il nostro Paese mi convinca che non sto sbagliando?. Per Giordano, ?c?? bisogno di un veicolo che vada a riempire i vuoti delle strutture pubbliche e con la Hhf stiamo cercando proprio di fare questo, grazie anche alla generosit? di molti sostenitori. Non ? possibile che i centri oncologici delle città dove le persone risiedono non funzionino a dovere, tanto da costringerle a ?viaggi della speranza?. Soprattutto se pensiamo che invece, in America, nella sola zona di New York, Boston, Philadelphia e Baltimora ci sono 150 strutture di eccellenza. Bisogna investire nei luoghi e per i luoghi, distribuendo le risorse in modo equo?.


Articoli Correlati