Tumori pediatrici; in Italia 75[%] guarisce, al via ?mappa?. Supporto anche a paesi poveri dove solo 2 bimbi su 10 si salvano

ROMA – Il cancro pediatrico ?finira? nella rete? e sara? piu? facile sconfiggerlo: con questo sogno vedra? la luce il database informatico per censire i tumori pediatrici in Italia, moltiplicando le possibilita? di guarigione che gia? oggi e? del 70[%] nei paesi ricchi, con terapie sempre piu? efficaci e mirate, sempre piu? ?dolci? in modo che, una volta guariti, i piccoli ricomincino una vita serena come quella di tutti i loro coetanei. Presentato in occasione della VI Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile indetta dalla Confederazione Internazionale Organizzazione Genitori Cancro Infatile, e? uno degli obiettivi del progetto di alleanza terapeutica tra medici e genitori ?L?amore cura?, promosso da Federazione Italiana Ass. Genitori Oncoematologia Pediatrica (FIAGOP) e associazione italiana ematologia ed oncologia pediatrica (AIEOP). ?Madrina? dell?iniziativa, che ha come mira finale l?avvio di progetti di telemedicina nel ?Sud? del mondo dove solo il 20[%] dei bimbi oncologici si salva, la Guardia di Finanza che ha ospitato il convegno alla presenza, tra gli altri, delle signore Clio Napolitano e Franca Ciampi. Il database dei tumori pediatrici italiani, ha spiegato Maurizio Arico?, Direttore U.O. Oncoematologia Pediatrica Ospedale Nuovo Meyer di Firenze, raccogliera? tutti i dati certificati relativi alle patologie e ai protocolli terapeutici dei pazienti curati presso i circa 50 centri AIEOP e aiutera? moltissimo le cure dei piccoli pazienti, gia? migliorate negli ultimi anni: basti pensare che la leucemia linfoblastica acuta (ALL), la piu? comune forma di tumore nell?infanzia, oggi e? arrivata a un tasso di guarigione dell?80[%] e che – ha aggiunto Arrico? – in poco tempo l?uso di radioterapia per la cura di certi tumori si e? ridotto enormemente, grazie alla messa a punto di protocolli terapeutici sempre meno ?invasivi?. Sebbene il tumore pediatrico sia un evento raro, ha sottolineato l?oncologo pediatra, e? giusto ricordare che rimane la prima causa di mortalita? da malattia nei bambini. Un adulto su 650 ha avuto l?infanzia segnata dal cancro e nel 2010 si stima che questa esperienza riguardera? un adulto su 200. In Italia ogni giorno un bambino si ammala di ALL, ha riferito Arrico?, la neoplasia piu? comune nei bambini, e 5-6 bimbi si ammalano complessivamente di un tumore; nel nostro paese due bimbi su tre guariscono ma ogni giorno due bambini purtroppo perdono la loro lotta per la vita, in tutto circa 600 l?anno. E a questo dramma si aggiunge quello ancora piu? enorme dei paesi poveri dove ben l?80[%] dei piccoli che si ammalano non riceve diagnosi precoce ne? ha accesso a cure adeguate. Cosi?, mentre in paesi sviluppati come il nostro sopravvivono circa il 70-75[%] dei piccoli, con progressi strepitosi messi a segno dalla ricerca negli ultimissimi anni, nei paesi flagellati dalla poverta? solo il 20[%] dei bimbi oncologici sopravvive, col risultato che ogni anno ne muoiono ben 100 mila, un bollettino ancora piu? agghiacciante se si pensa che molte di queste morti sarebbero in realta? evitabili. L?Amore cura?, che si puo? sostenere con un SMS solidare al numero 48588 del costo di un euro, pensera? anche a questi bimbi meno fortunati, infatti nella sua fase finale l?iniziativa, dal costo complessivo di 2 mln di euro, promuovera? un progetto di telemedicina che permettera? la cura dei pazienti anche in aree geografiche in via di sviluppo. ?Oggi si e? creata una rete tra medici e genitori per promuovere la cura dei nostri bambini – ha detto Maria Teresa Barricano, presidente Peter Pan e consigliere Faigop – e speriamo presto anche dei bimbi del ?Sud del mondo?.


Articoli Correlati