Tumori: Utero, arriva vaccino a 12enni, dal 2008 gratis ? Colpita una italiana ogni 2 ore

Colpisce un’italiana ogni due ore e ne uccide circa 1.700 l’anno. Il tumore al collo dell’utero, causato dal Papillomavirus (Hpv), si conferma un ‘big killer’ per le donne, ma oggi c’e’ un’arma concreta per combatterlo: e’ il primo vaccino anti-Hpv e, dunque, contro questa forma di cancro. Da oggi e’ nelle farmacie italiane, disponibile a pagamento, ma dal 2008 sara’ distribuito gratuitamente a tutte le dodicenni, principale ‘target’ per la vaccinazione.
Si tratta del primo vaccino specifico mai messo a punto contro un tumore: ”E’ una vera e propria rivoluzione – ha affermato l’oncologo ed ex ministro della salute Umberto Veronesi, in occasione della conferenza stampa di presentazione del vaccino prodotto dalla Sanofi Pasteur Msd – ed e’ una grande notizia per tutte le donne”. Ma come funziona e a chi va somministrato? Il vaccino e’ attivo contro i tipi 6, 11, 16 e 18 del Papillomavirus, responsabili del 75[%] dei casi di cancro al collo dell’utero e va somministrato (in tre dosi nell’arco di sei mesi) innanzitutto alle ragazze giovani (anche se l’indicazione alla vaccinazione va dai 9 ai 26 anni) che non hanno ancora avuto rapporti sessuali e, dunque, non sono entrate in contatto con questo virus che si trasmette, principalmente, appunto per via sessuale. Ecco perche’ il ministro della Salute Livia Turco ha deciso l’avvio di un programma di vaccinazione gratuito per tutte le dodicenni, circa 280.000, a partire dal 2008: la spesa complessiva per il Sistema sanitario nazionale e’ pari a 75 milioni di euro e le regioni sono gia’ al lavoro.
Entro il primo gennaio 2008, tutte dovranno essere pronte ad erogare gratuitamente la vaccinazione e l’Italia sara’ il primo Paese in Europa ad aver adottato una simile misura sociale. Ma non basta: ”Stiamo predisponendo emendamenti sulla prossima Finanziaria – ha annunciato oggi la componente della commissione Sanita’ del Senato Laura Bianconi (Fi) – perché il finanziamento sia aumentato, proprio per allargare la possibilita’ di vaccinare gratis un maggior numero di donne”.   Una ”rivoluzione” l’ha dunque definita Veronesi, per le donne ma anche per le nuove prospettive della Ricerca: ”Si apre la strada – ha affermato – per la messa a punto di vaccini per altre forme di tumore dovute a virus, come la leucemia, linfomi, tumori del fegato e della faringe. Infatti il 20[%] dei tumori sono dovuti ad agenti virali”. Poi, un consiglio alle mamme: ”Vaccinate le vostre figlie, perche’ il vaccino e’ sicuro e non ci sono controindicazioni rispetto ad un tumore che e’ la seconda causa di morte in Europa, per cancro, tra le donne tra 15 e 44 anni”. Della stessa opinione il direttore della Clinica ginecologica del’Universita’ di Brescia, Sergio Pecorelli: ”Una volta che una donna si e’ vaccinata il virus non potra’ piu’ colpirla e, quindi, non si potra’ innescare il meccanismo che puo’ portare al cancro”. Un invito a vaccinare le adolescenti arriva anche dal pediatra Giorgio Bartolozzi, membro della commissione nazionale vaccini, mentre il presidente della Societa’ italiana di medicina generale, Claudio Cricelli, ha assicurato l’impegno dei medici di base: ”Sono in atto contatti con il ministero – ha detto – per avviare un protocollo di comportamento per i medici”. L’obiettivo, ha sottolineato l’amministratore delegato Sanofi Pasteur Msd Daniel Jacques Cristelli, e’ ”eradicare per sempre questa forma di cancro”.
Dal 2008 dunque, almeno per le dodicenni, il vaccino sara’ gratis. E per le altre? Il costo per le tre dosi e’ di circa 600 euro. Una cifra consistente, ma forse neppure tanto se si considera, fanno notare gli esperti, che ”sarebbe come dire spendere per la propria salute 0.07 centesimi al giorno per venti anni”. Meno della meta’ del costo di un SMS. 


Articoli Correlati