Un libro chiamato desiderio

Continua il tour di “Un libro chiamato desiderio”, il progetto finalizzato alla promozione del libro
e della lettura della Regione Lazio che sta portando il “viaggio dell’eroe” nelle periferie della
città attraverso i fumetti, le letture e le arti visive coinvolgendo bambini, ragazzi e anziani.
Progetto finanziato con la legge regionale 21 ottobre 2008, n. 16 – Avviso pubblico “IO LEGGO”
!
Roma, 27 febbraio 2017 – E’ partito a gennaio il tour di Un progetto chiamato desiderio
toccando periferie e luoghi di aggregazione grazie al lavoro congiunto di tre associazioni ( Un
Amleto di troppo, Libelà e Sale in Zucca) che insieme ai partner (Peter Pan onlus, Cooperativa
Programma Integra, R.S.A. Longoni, Biblioteca Collina della Pace, Punto Luce di Save the
Children di Ponte di Nona) e agli artisti coinvolti stanno portando letture e laboratori a tanti
bambini e ragazzi. Viene utilizzata soprattutto l’arte narrativa del fumetto il cui linguaggio – vicino
ai giovani e immediato nella fruizione – consente di avvicinare anche i non lettori alla lettura,
permettendogli di accedere a forme di comunicazione diversificate. Gek Tessaro, Grazia La
Padula e Giovanna Ranaldi oltre a Stefano S3keno Piccoli, Cristiano Crescenzi e Daniele Bonomo
(in arte Gud) sono solo alcuni degli artisti del progetto.
Gli appuntamenti delle letture di marzo:
Lunedì 1 marzo “Diari di viaggio“, una lettura con musica e proiezioni curata da Libelà
che si terrà al Centro cittadino per le migrazioni, l’asilo
l’integrazione sociale gestito dalla Cooperativa Programma Integra. L’obiettivo è quello di
coinvolgere il pubblico a raccontare (e raccontarsi) con le immagini il proprio paese e le
proprie origini. Evento aperto al pubblico, dalle 10.00 alle 13.00. !
lunedì 1° marzo, a cura dell’associazione Sale in zucca, nel Reparto di Oncologia
Pediatrica Policlinico Universitario A. Gemelli i bambini potranno assistere all’ascolto de
“Il re che voleva raggiungere la luna”, racconto tratto da un’antica fiaba persiana,
trasmessa nei secoli oralmente. Dalle 16:00.
Mercoledì 15 marzo, a cura dell’associazione di promozione sociale Libelà, presso il
Centro di accoglienza Zurla (gestito dalla Cooperativa Programma Integra) si terrà “M
come mira” una storia zen una lettura che fa parte del corso di italiano per immagini.
Dalle 10:00 alle 13:00.
Sabato 18 marzo, “L’eroe dai mille volti” è un racconto a più voci in cui musica e
proiezioni porteranno i partecipanti tra gli eroi di ora e di sempre per scoprire le molte
sfumature, i molti viaggi e le imprese che hanno compiuto. Incontro a cura di Libelà
presso La Biblioteca Collina della Pace. Delle 17:00.
Lunedì 27 marzo, “La teiera” di H. C. Andersen, nel Reparto di Oncologia Pediatrica
Policlinico Universitario A. Gemelli, attraverso l’animazione di oggetti di uso quotidiano, i
ragazzi di Sale in Zucca racconteranno la stravagante storia di una teiera di porcellana,
che un giorno cadendo perse il suo meraviglioso beccuccio e divenne vaso. Una storia
che racconta di una crescita, della capacità di trasformarsi e di adattarsi ai cambiamenti
che la vita impone. Dalle 16:00. !
Durante tutto il mese, collegati a ogni percorso di lettura, si svolgeranno 14 laboratori pratici
dislocati nei vari presidi del circuito di Un libro chiamato desiderio. !!
Ideazione del progetto: UnAmletoditroppo, Libelà Associazione di promozione sociale, Sale in
Zucca Onlus .
Con l’adesione di: Punto Luce di Ponte di Nona di Save the Children, Cooperativa Programma
Integra, Peter Pan Onlus, R.S.A. Longoni, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli,
Biblioteca Collina della Pace.


Articoli Correlati