Una ricerca mette in luce gli errori più frequenti

Se è vero che la legge non ammette ignoranza è altrettanto vero che ci sono situazioni in cui il cuore e la testa sono altrove e l’opportunità di avere qualcuno accanto che assista nel percorrere l’iter legislativo nel modo più efficace possibile è decisamente molto importante.
Figuriamoci poi quando chi dovrebbe essere deputato alle attività di accoglienza ed evasione delle richieste non è sufficientemente preparato o svolge l’incarico senza curarsi degli aspetti sociali e psicologici dell’interlocutore.
Quando abbiamo affrontato il tema della revisione della Legge 104, queste sono state le nostre prime riflessioni, per cui abbiamo deciso di avviare un‘indagine tra le famiglie sui problemi incontrati nell’applicazione della Legge 104.
Avvalendoci dell’esperienza e della professionalità delle Direttrici e delle Assistenti delle due Case, abbiamo quindi somministrato 60 questionari a famiglie residenti in Italia, attualmente o recentemente ospiti di Peter Pan, utilizzandone però solo 52 per la loro rispondenza ai prerequisiti metodologici della ricerca.
Quando le circostanze lo hanno permesso, durante l’intervista in profondità si è privilegiato l’approccio colloquiale, il che ha consentito di raccogliere informazioni di maggior dettaglio sul vissuto delle famiglie nell’iter di richiesta dei benefici di legge.
Tranne due casi, tutte le famiglie intervistate hanno concesso il benestare all’utilizzo pubblico dei dati e delle informazioni pur nel rispetto dell’anonimato.
Due interviste, infine, sono state trasformate in case history, per i loro chiari e molteplici riferimenti alle problematiche legate all’applicazione della normativa vigente.