Volontariato: casa per bimbi e genitori in cura al San Camillo

ROMA – Si chiama ”Chicco di Senape” la casa di accoglienza che dara’ ospitalita’ e accoglienza ai bambini affetti da gravi patologie ed alle loro famiglie, provenienti da fuori Roma, in cura nel reparto di emato-oncologia pediatrica dell Ospedale San Camillo di Roma.
Si trova nel quartiere Monteverde ed e’ stata inaugurata oggi. L’iniziativa, nata su impulso del parroco di Nostra Signora di Coromoto, monsignor Romano Rossi e di un gruppo di parrocchiani, si propone di ricreare  una dimensione  di casa per chi si trova nell’emergenza di una malattia crudele, che purtroppo porta con se’ anche una capacita’ distruttiva dell’ambiente familiare, spiegano i realizzatori della struttura, ”in cui si annida, rompendone i ritmi del vivere quotidiano, compromettendo le relazioni affettive parentali, incidendo fortemente anche sui bilanci economici, spesso non brillanti delle famiglie stesse”.
Accade spesso, infatti, che questi genitori, non potendo sostenere le spese per un albergo durante i periodi, lunghi, di terapia, siano costretti a dormine nelle loro autovetture parcheggiate fuori dagli ospedali.
Per realizzare questo progetto, frutto dell esclusivo contributo economico di privati (parrocchiani e non) e’ stato completamente restaurato ed arredato un  appartamento,  sottostante la Rettoria di S. Francesco di Sales, in via  Portuense n. 524, affidata alla cura pastorale del parroco e da questi messa a disposizione per la realizzazione del progetto.  
La casa potra’ ospitare due famiglie per volta, appositamente indirizzate dai responsabili del reparto ospedaliero del San Camillo, che potranno usufruire di due unita’ abitative e di spazi comuni. Sara’ operativo anche un nucleo consistente di volontari, gia’ formati in appositi corsi, organizzati dalla parrocchia e tenuti da medici, psicologi, esperti ed operatori del settore, che offriranno alle famiglie ospitate accoglienza, compagnia e ascolto e si faranno carico di risolvere i piccoli problemi giornalieri, dalla pulizia, al trasporto in ospedale, all’animazione per i bambini.


Articoli Correlati